Παρασκευή, 30 Νοεμβρίου 2007

ΠΟΙΗΣΗ στην ΑΡΧΑΙΑ ΕΛΛΑΔΑ

Passione d'amore................ A me pare uguale agli Dei chi a te vicino così dolce suono ascolta mentre tu parli e ridi amorosamnte. Subito a me il cuore si agita nel petto solo che appena ti veda, e la voce non esce e la lingua si lega. Un fuoco sottile sale rapido alla pelle, e ho buoi negli occhi e il rombo del sangue alle orecchie. E tutta in sudore e tremante come erba patita scoloro: e morte non pare lontana a me rapita di mente. ...............................Saffo trad. di Salvatore Quasimodo

ΠΡΟΣΤΑΤΕΥΣΕ το ΟΝΕΙΡΟ....

HO PROTETTO IL SOGNO
........................ Tra le dita delle tue mani, Ho fatto sopravivere il sogno Di cantarti il canto dell'amore, Come se io fossi un angelo, Per soffrire di nuovo. Come dei bambini. Dal cielo io ti porto L'oscurita' e la luce Il mio silenzio e le mie parole. Tra le dita delle tue mani, Ho trattenuto il sogno d'ali, Per scivolare dolcemente In un colpo di vento, Per volare di nuovo. Come dei bambini. Dal cielo ti porto L'oscurita' e la luce Il mio silenzio e le mie parole. ................... Mikis Theodorakis .......................trad. Lunapiena

Τετάρτη, 28 Νοεμβρίου 2007

ΔΙΑΒΑΤΗΣ Τ'ΟΥΡΑΝΟΥ.....

Le STELLE..... Le stelle non hanno fidanzato. Tanto belline, le stelle! Aspettano un rubacuori che le porti ad una sua ideale Venezia. Tutte le notti s'affacciano alle grate- oh cielo di mille piani! - e fanno segnali lirici ai mari d'ombra che le circondano. Ma attente, ragazze, perchè quando morirò vi rapirò una dietro l'altra sul mio cavallo di nebbia...... Federico Garcia Lorca ...................................... ΑΣΤΡΑ............ Τ'αστρα δεν έχουν μνηστήρα κι είναι τόσο όμορφα... Περιμένουν ένα καρδιοκατακτητή που θα τα συνοδεύσει σε μια δική του ιδανική Βενετία.

Κάθε νύχτα εκεί αγναντεύουν- μεσ'στον απέραντο ουρανό- στέλνοντας λυρικά μηνύματα στις θαλάσσιες σκιές, που φλερτάρουν στο σκοτάδι. Προσέξτε κορίτσια, όταν μια ταξιδέψω στο σκοτάδι, μια μετά την άλλη θα σας κλέψω με της ομίχλης μου το άλογο.... Federico Garcia Lorca (trad. Lunapiena)

Τρίτη, 27 Νοεμβρίου 2007

Κωστής Παλαμάς: ΟΙ ΠΑΤΕΡΕΣ


 

Παιδί, το περιβόλι που θα κληρονομήσεις, 
όπως το βρεις κι όπως το δεις 
να μη το παρατήσεις. 
Σ κ ά ψ ε  το ακόμα πιο βαθιά 
και φράξε το πιο στέρεα, 
και πλούτησε τη χλώρη του 
και πλάτυνε τη γη του, 
κι ακλάδευτο όπου μπλέκεται 
να το βεργολογήσεις,
και να του φέρνεις το νερό 
το αγνό της βρυσομάνας 
- κι αν αγαπάς τ' ανθρώπινα 
κι όσα άρρωστα δεν είναι, 
ρίξε αγιασμό και ξ ό ρ κ ι σ ε 
τα ξωτικά, να φύγουν
, και τη ζωντάνια σπείρε του
 μ' όσα γερά, δροσάτα. 

Γίνε οργοτόμος, φυτευτής, διαφεντευτής.
Κι αν είναι κι έρθουνε χρόνια δ ί σ ε χ τ α , 
πέσουν κα ι ρ ο ί  οργισμένοι, 
κι όσα πουλιά μισέψουνε σκιασμένα, 
κι όσα δένδρα για τίποτ' άλλο δε φελάν 
παρά για μετερίζια, 
μη φοβηθείς το χαλασμό. 

Φωτιά! Τσεκούρι! 
Τράβα, ξεσπέρμεψέ το, το περιβόλι, 
κόψ' το, και χτίσε κάστρο απάνου του 
και ταμπουρώσου μέσα, για πάλεμα, 
για μάτωμα, για την καινούργια γέννα, 
π' όλο την περιμένουμε 
κι όλο κινάει για να 'ρθει, 
κι όλο συντρίμι χάνεται 
στο γύρισμα των κύκλων. 
Φτάνει μια ιδέα να σ' το πει, 
μια ιδέα να σ' το προστάξει, 
κορόνα ιδέα, ιδέα σπαθί
που θα είν' απάνου απ' όλα. 

Κωστής Παλαμάς

΄Ενα Δώρο Σπάνιο....

"Η καρδιά ενός ανθρώπου είναι ένα δώρο σπάνιο και εύθραυστο Κράτα το με λεπτότητα και με τα δυό σου χέρια."
......................................... "Il cuore di una persona è un dono raro e fragile. Tienilo delicatamente, con entrambe le mani." Proverbio nigeriano

Δευτέρα, 26 Νοεμβρίου 2007

Αγάπη και Έρως

Nudo il cuore della ragazza nella tempesta della Vita... Nudo anche il giovane nell' incubo dei venti... E questa nudezza è stata la causa della loro lotta di un voluttuoso Amore... ed ha rinforzato i loro sensi. La fiamma della loro passione inesaurabile forza senza limiti, ciclone dei sentimenti amore, terrore ed estasi. Lo sguardo cerca rifugio... nel puro nudo dell'Anima. Lunapiena(1993)

Και ήταν Πρωί.....

Κι ήταν πρωί... κι ο ήλιος χαμογελούσε στα πικραμένα σύννεφα που συγκρατούσαν δάκρυα και στεναγμούς. Μια μαργαρίτα άνοιξε διάπλατα τα πέταλά της καταμεσής στο περιβόλι περήφανη για την τιμή που της έγινε, ν'ανθίσει κάτω απ'τη μηλιά. Κι ήταν πρωί...άνοιξες διάπλατα το παραθύρι, να μπεί στο σπίτι φώςκι ανέπνευσες βαθειά, να γεμίσουν τα στήθη δροσιά. Ένα δάκρυ κύλησε στης ανάμνησης το βωμό κι ο στεναγμός αγκάλιασε την σκέψη κι έγινε τραγούδι, κελάηδεμα καρδερίνας, που ήταν κλεισμένη στο κλουβί, φυλακισμένη μες τη μοναξιά της. Κι ήταν πρωί... ξύπνησε η ελπίδα τα παιδιά, μια καινούρια μέρα ξημέρωσε κι έσβησε ο ήλιος τον φόβο και σκόρπησε τον εφιάλτη. Η ανθισμένη λεμονιά κερνά υποσχέσεις στη γαλανή ματιά της κόρης που περιμένει να φανεί ο ταχυδρόμος. Κι ο γερο-Μιχάλης φάνηκε στην πόρτα ακουμπισμένος στο μπαστούνι μπορεί ακόμα να διαβεί το κατώφλι και να χαιδεύει τη μηλιά. Κι ήταν πρωί...γέμισε η αυλή σπουργίτια, ακάλεστοι επισκέπτες χωρίς ντροπή κλέβουν το σπόρο της ροδιάς. Ψάχνει η ματιά σου τη στροφή του ασφαλοστρωμένου δρόμου περιμένοντας να φανεί μια ελπίδα. Άρχισε όμως η βροχή, μια καταιγίδα, κρύφτηκε ο ήλιος πίσω απο τα σύννεφα κι επέστρεψε ο εφιάλτης κι ο γέρο_Μιχάλης ανήμπορος να επιστρέψει πιά στο κατώφλι σωριάστηκε στο χώμα. Κι ήταν πρωί... Πανσέληνος

Κυριακή, 25 Νοεμβρίου 2007

...κι ήταν πρωί!

Κι ήταν πρωί...κι ο ήλιος χαμογελούσε
στα πικραμένα σύννεφα
που συγκρατούσαν δάκρυα και στεναγμούς.
Μια μαργαρίτα άνοιξε διάπλατα τα πέταλά της
καταμεσής στο περιβόλι περήφανη για την τιμή
που της έγινε, ν'ανθίσει κάτω απ'τη μηλιά.
Κι ήταν πρωί...άνοιξες διάπλατα το παραθύρι,
να μπεί στο σπίτι φώςκι ανέπνευσες βαθειά,
να γεμίσουν τα στήθη δροσιά.
Ένα δάκρυ κύλησε στης ανάμνησης το βωμό
κι ο στεναγμός αγκάλιασε την σκέψη
κι έγινε τραγούδι, κελάηδεμα καρδερίνας,
που ήταν κλεισμένη στο κλουβί,
φυλακισμένη μες τη μοναξιά της.
Κι ήταν πρωί... κι η ελπίδα ξύπνησε τα παιδιά, μια καινούρια μέρα ξημέρωσε
κι έσβησε ο ήλιος τον φόβο
και σκόρπησε τον εφιάλτη.
Η ανθισμένη λεμονιά κερνά υποσχέσεις
στη γαλανή ματιά της κόρης
που περιμένει να φανεί ο ταχυδρόμος.
Κι ο γερο-Μιχάλης φάνηκε στην πόρτα
ακουμπισμένος στο μπαστούνι
μπορεί ακόμα να διαβεί το κατώφλι
και να χαιδεύει τη μηλιά.
Κι ήταν πρωί...γέμισε η αυλή σπουργίτια,
ακάλεστοι επισκέπτες χωρίς ντροπή
κλέβουν το σπόρο της ροδιάς.
Ψάχνει η ματιά σου τη στροφή
του ασφαλοστρωμένου δρόμου
περιμένοντας να προβάλλει η ελπίδα.
Άρχισε όμως η βροχή, μια καταιγίδα
κρύφτηκε ο ήλιος πίσω απο τα σύννεφα
κι επέστρεψε ο εφιάλτης
κι ο γέρο_Μιχάλης ανήμπορος
να επιστρέψει πιά στο κατώφλι
σωριάστηκε στο χώμα.
Κι ήταν πρωί...
Πανσέληνος

Πέμπτη, 22 Νοεμβρίου 2007

Το Περιβόλι της Καρδιάς......

La poesia per me... è un lungo viaggio fatato, da parola a Parola, da frase a Frase... trapassando sentieri segreti, esplorando il tramondo della memoria... verso il profondo del mare dei sendimenti, verso l'orrizzonte azzurro dell'esistenza.. là, dove la ragione incontra la fantasia, fino al limite del Logos... fino al profondo dell'Anima... fino all'infinito dell'Universo... per arrivare fino alla festa della Luce. Lunapiena

Κ. ΚΑΡΥΩΤΑΚΗΣ

K. Kariotakis ........ (1896-1928).... è nato a Tripolis, Grecia il 30 ottobre 1896, a causa della professione del suo padre, Kariotakis ha passato la sua vita spostandosi da un posto ad altro. Ha cominciato a scrivere e pubblicare la poesia gia' all'età di 16 anni. Ha finito la sua vita, a Preveza, il 21 luglio 1928!Il suo primo libro di poesie, "il dolore degli uomini e le cose" , è stato pubblicato in 1919; ed il terzo ed ultimo, "Elegies e Satires" , in 1927.

Τρίτη, 20 Νοεμβρίου 2007

FABRIZIO DE ANDRE'

Fabrizio De Andre' ... Il 18 febbraio 1940 Fabrizio De Andre' nasce a Genova. Sul giradischi di casa suo padre ha messo il "Valzer campestre"di Gino Marinuzzi, dal quale, oltre venticinque anni dopo, Fabrizio ricavera' la canzone "Valzer per un amore".Scoppiata la guerra, la famiglia si rifugia nella campagna di Revignano d'Asti, mentre il padre di Fabrizio, ricercato dai fascisti, si dΰ alla macchia.Nel '45 i De Andre' tornano a Genova. Fabrizio frequenta le elementari prima presso le suore Marcelline (che lui ribattezza le porcelline) poi alla "Cesare Battisti". Seguono gli studi ginnasiali, liceali ed infine universitari (interrompe quando gli mancano sei esami dalla laurea in giurisprudenza). Ma intanto e' nata di prepotenza la vocazione per la musica: Fabrizio studia primail violino, poi la chitarra, suona in gruppi jazz, si esibisce in pubblico cantando canzoni francesi, traduce Brassense comincia a scrivere brani tutti suoi. Nel 1958 esce il primo disco di De Andre': un 45 giri contenente due canzoni non sue, "Nuvole barocche" e "E fu la notte".Nel 1962 Fabrizio sposa Puny, una ragazza genovese che lo stesso anno gli da' un figlio, Cristiano, oggi a sua volta musicistae cantante.Intanto escono altri dischi contenenti brani destinati a diveniredei classici: "La guerra di Piero", "La ballata dell'eroe", "Il testamento", "La ballata del Miche'", "Via del Campo", "La canzone dell'amore perduto", "La cittΰ vecchia", "Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers" (scritta con Paolo Villaggio) e "La canzone di Marinella", che nel '68 viene incisa da Mina e trasforma De Andre' da autore per pochi intimi ad autore di successo. 1968: esce per la Belldisc l'album "Volume I", seguito l'anno dopo da "Tutti morimmo a stento", e da "Volume II": i tre dischi raggiungono il vertice delle classifiche di vendita.1970: esce "La buona novella" tratto dai Vangeli apocrifi.1971: esce "Non al denaro non all'amore nι al cielo", ispirato da "L'antologia di Spoon River" di Edgar Lee Masters.1973: la contestazione del'68 fornisce lo spunto all'ellepμ "Storia di un impiegato".1974: in "Canzoni" Fabrizio raccoglie traduzioni da Brassens, Dylan e Cohen e brani suoi degli anni Sessanta.1975: dalla collaborazione con Francesco De Gregori scaturisce l'album "Volume VIII". Segue il primo tour dell'artista, che comincia ad accarezzare il progetto di trasferirsi in Sardegna: acquisterΰ a tale scopo la tenuta dell'Agnata, presso Tempio Pausania, dedicandosi all'agricoltura e all'allevamento di animali.1977: Dori Ghezzi, alla quale Fabrizio si θ unito, gli dΰ una figlia, Luisa Vittoria, detta Luvi.1978: esce l'album "Rimini".1979: dal tour con la Pfm, De Andrι ricava un doppio album dal vivo. In agosto, a L'Agnata, lui e Dori Ghezzi vengono sequestrati: saranno rilasciati quattro mesi dopo.1981: l'esperienza del sequestro e la realta' della gente sarda ispirano parte dell'album senza titolo che i mass media battezzano "L'indiano".1984: De Andre' realizza con Mauro Pagani il pluripremiato ellepi "creuza de me", che unisce la lingua genovese alle sonorita' della tradizione mediterranea, e che due referendum tra i critici indicheranno come il miglior album dell'anno e del decennio.1989: Fabrizio sposa Dori.1990: esce l'album "Le nuvole", con grande successo di vendite e di critica, e successivo tour trionfale.1991: esce il doppio live "1991 - Concerti".1992: nuovo tour, il primo tour teatrale di De Andre'.1996: esce l'album "Anime Salve".1997: secondo tour teatrale di De Andre' e pubblicazione dell'album raccolta "Mi innamoravo di tutto" contenente"La canzone di Marinella" cantata con Mina.1998: Continua con successo il tour seguito all'album "Anime salve", interrotto per motivi di salute durante l'estate.1999: l'11 gennaio, alle 2:30 di notte, Fabrizio ci lascia, stroncato da un male incurabile. Muore a Milano all'Istituto dei Tumori dove era ricoverato. I suoi funerali si svolgono a Genova il 13 gennaio dove una folla di piu' di diecimila persone si stringe intorno al dolore della famiglia. Ora riposa nel cimitero di Staglieno, nella cappella di famiglia.... dal web

Δευτέρα, 19 Νοεμβρίου 2007

ΝΑΝΑ ΝΟΥΣΧΟΥΡΗ

ΝΑΝΑ ΜΟΥΣΧΟΥΡΗ Μετά 12 χρόνια επανέρχεται με τον Νέο της Δίσκο με τίτλο: "Μόνη Περπατώ"... Εκτός από τις ελληνικές συμμετοχές στην έκδοση περιλαμβάνονται και δέκα τραγούδια από το διεθνές ρεπερτόριο της Νάνας Μούσχουρη. Μεγάλες επιτυχίες της σε Αγγλία, Γαλλία, Ισπανία, Λατινική Αμερική και Ασία, συνθέσεις όπως του Charles Aznavour, των Anne και Kate McGarrigle, του Jean Pierre Ferland, της ίδιας της Νανάς Μούσχουρη καθώς και δύο παραδοσιακά γαλλικά τραγούδια αποτελούν μερικά από αυτά. Τους στίχους και των δέκα αυτών τραγουδιών υπογράφει η Αγαθή Δημητρούκα. Τα νέα τραγούδια είναι έξι, συνθέσεις νέων Ελλήνων δημιουργών: τρία σε μουσική του Νίκου Αντύπα με στίχους, τα δύο της Λίνας Νικολακοπούλου και το ένα του ίδιου, δύο σε μουσική του Στέφανου Κορκολή με στίχους της Ρεβέκκας Ρούσση και της Άντας Δούκα και ένα τραγούδι του Γιώργου Θεοφάνους. Μεγάλη έκπληξη αποτελεί η εξαιρετική ερμηνεία της σε ένα δημοτικό τραγούδι, "Τα Παιδιά της Σαμαρίνας" με τον Βασίλη Σαλέα στο κλαρίνο. Το "Μόνη Περπατώ" αντικατοπτρίζει το δρόμο που περπάτησε μόνη της 50 ολόκληρα χρόνια γυρνώντας την υδρόγειο.

ΠΟΙΗΣΗ - POESIA

Felice chi con ali vigorose, le spalle alla noia e ai vasti affanni che opprimono col peso la nebbiosa vita, si eleva verso campi sereni e luminosi! Felice chi lancia i pensieri come allodole in libero volo verso i cieli nel mattino! Felice chi, semplice, si libra sulla vitae intende il linguaggio dei fiori e delle cose mute!......... Baudelaire

Κυριακή, 18 Νοεμβρίου 2007

ΜΙΚΗΣ ΘΕΟΔΩΡΑΚΗΣ

MIKIS THEODORAKIS............ nasce il 29 luglio 1925 nell’isola di Chio da padre di origine cretese e da madre di origine greco-anatolica. Segue il padre, impiegato pubblico, nei trasferimenti in diversi centri delle isole egee, del Peloponneso e della terraferma.Nel 1943, in piena occupazione italotedesca, è ad Atene dove inizia gli studi musicali al conservatorio dell’Odeion,e prende contatto con la Resitenza, cui è già legato da quando risiedeva a Tripoli di Arcadia, e per la quale combatte, subendo arresti e torture. Partecipa poi alla guerra civile (1946/1949) nelle file dei “ribelli”. Conosce i campi di concentramento, compreso quello famigerato sull’isola di Macrònissos, e la deportazione a Icarìa. Contrae la tubercolosi. Nel 1950, messo in libertà, si diploma al Conservatorio dell’Odeion, e completa il servizio militare. Comincia a comporre e a farsi conoscere in patria come nuovo talento della musica greca. Nel 1953 un suo balletto sinfonico, “Carnaval”, viene rappresentato all’Opera di Roma. Si trasferisce quindi a Parigi con una borsa di studio. Compone pezzi sinfonici, musiche per balletto e per film.Fonda e dirige un’orchestra sinfonica classica. Contemporaneamente decide di misurarsi con la canzone popolare greca, la cui ricchezza musicale, accumulata attraverso una lunga e complessa tradizione, gli sembra straordinaria, ma menomata da una deludente povertà sul lato dei testi. Sceglie perciò un autentico poeta, Yannis Ritsos, suo compagno di prigionia a Macronissos, che già negli anni Trenta aveva sperimentato lingua, stili e metrica popolari e mette in musica- usando umili ritmi di ballo, otto parti di un suo poema del 1936, “Epitafios” (Venerdì Santo), dove una donna del popolo, una madre come la Madonna, piange il figlio ucciso durante una manifestazione di lavoratori. Da quel momento (1960), Theodorakis si colloca al centro del rinnovamento della vita musicale, artistica e culturale della Grecia del popolo, impegnata a sconfiggere la terribile povertà, e a sollevarsi a dignità democratica dopo la guerra civile, la sanguinosa repressione e l’arretratezza politica, sociale e culturale coltivata da una monarchia autoritaria e da una classe possidente gelosa dei suoi privilegi, nazionalista, tradizionalista e bigotta. I poeti convergono sulla musica popolare e, ricambiati, danno voce e dignità ai sentimenti e alla musica del popolo: si assiste a una vera febbre culturale e politica, che viene “curata” con il colpo di stato militare del 21 Aprile 1967. Dopo “Epitafios” e sino alla dittatura militare, Theodorakis compone: “Politìa Proti”, “Epifania”, “Lipotàchtes” (Disertori), “Enas ‘Omiros (Un ostaggio) per la rappresentazione dell’omonima opera teatrale dell’irlandese Brendan Behan, le opere teatrali “Omòrfi Poli” (Bella città), “Tragùdi tu necrù adelfù” (Canto del fratello morto), compone con altri musicisti la rivista “Maghikì Poli” (Città magica) e, da solo, un’altra opera teatrale, “I ghitonià ton anghèlon” (Il quartiere degli angeli), dove affiora il tema, destinato a fama universale, della danza di Zorbà; la seconda Città (Politìa Dèfteri), “Micrès Kiklàdhes” (Piccole Cicladi), l’oratorio “Axion Estì” (Dignum est), “Romiossìni” (Grecità), “Romancero Gitano”, sui versi di Federico Garcia Lorca, “Balàda tu Mautchàusen” (Ballata di Mauthausen), nella quale esordisce la sua massima interprete, Maria Farandùri, “Exi thalassinà fengària” (Sei lune marine), destinate a uscire lo stesso giorno del colpo di stato. Compone molto anche per il cinema, sia greco, sia francese, importanti le colonne sonore dei film “ Fedra” di J. Dassin, e di “Zorba il Greco” di Cacoyannis. Nutrita è anche la produzione sinfonica, per balletto e per le scene delle tragedie classiche. Egli stesso scrive molti testi, poiché, come il fratello Yànnis, è un poeta eccellente: ma i suoi autori sono anche i principali poeti neogreci, T. Livadhìtis, D. Christodhùlos, Odisseo Elitis e Yorgos Sefèris (che saranno insigniti del premio Nobel), Yànnis Ritsos, Nicos Gàtsos, Iàcovos Cambanéllis, K. Vàrnali, P. Cocchinòpulos.
(continua)

ΓΙΑΝΝΗΣ ΡΙΤΣΟΣ

................................................ Mikis Theodorakis - Romiosini (part 2, live) ............................................ Mikis Theodorakis - Romiosini (part 3, live)
..................................... Se ne è andata ogni cosa. E' rimasta solo questa grande calma. E questa sensazione straordinaria: che niente è andato perduto, niente si perde. Tra questi volti,
tutti familiari e amati,
è rimasto solo il tuo volto. Yannis Ritsos

ΦΕΓΓΑΡΙ ΜΟΥ.....LUNA mia

Luna Caprese......... di Peppino De Capri............... Peppino Di Capri "Luna ...
Ohéee!...Cu me cantate 'sta canzone...vuje ca suffrite 'e ppene de ll'ammore...Capre,ve pò 'ncantá cu na parola...Só' accumparute 'e stelle a primma sera,tutta Tragára luce 'mmiez'ô mare...na fascia 'argiento sott''e Faragliunee nu mistero 'int'a 'sta notte chiara.Notte 'e silenzio e i', mo, chesta canzone,cantá vulesse a chi mm'ha affatturato...Tu, luna luna tu, luna caprese,ca faje sunná ll'ammore a 'e 'nnammurate...adduorme a nénna mia ca sta scetatae falla 'nnammurá cu na buscía.Tu, luna luna tu, luna busciarda,famme passá sti ppene 'e gelusiae fa' ca nénna fosse tutt''a mia... Tu, luna luna tu...Luna caprese!...E mo ca pure 'o mare s'è addurmutoe 'e nnuvole, li stelle, hanno stutato,dint'a sti bbracce meje, passione amara,io te vurría tené cu nu respiro...Ma è inutile, è destino, ca stu core,canta surtanto pe' chi dice no! Tu, luna luna tu, luna caprese... (1953 - Cesareo, Ricciardi)

ΣΑΒΙΝΑ ΓΙΑΝΝΑΤΟΥ

Savina Yannatou ............. Yannatou non è soltanto una grande cantante ma si conferma anche una eccezionale interprete ed autrice di razza. La musica neoellenica – la musica d’autore – ha, per sua fortuna, tenuto tradizione al femminile a partire dagli anni 60 e 70; giusto per dovere di cronaca faccio 3 o 4 nomi : Angelique Jonatos, Eleftheria Arvanitaki, Alkistis Protopsalti, Savina Yannatou. Savina dice: "mi emoziona l’incrocio delle culture, gli elementi popolari, il folk dei popoli, in particolare quelli elementi che reggono nel tempo. Mi interessano i parallelismi del mondo antico e del contemporaneo. Mi emoziona questa espressione – la musicacon la quale mi esprimo e quando essa diventa il tramite per l’incontro di popoli diversi tra loro e l’incrocio tra epoche e realtà "diverse". E’ naturale a questo punto pensare che Savina, con una voce cosi, che da sola è strumento anzi, più strumenti: violino, sax, contrabbasso ec. , non può avere nessun problema a percorrere qualsiasi sentiero musicale. Con le sue radici musicali nell’oriente, lo studio della musica classica occidentale, la sperimentazione d’avanguardia, l’amore per l’etnic..... Savina Yannatou - Dedication (live)

Σάββατο, 17 Νοεμβρίου 2007

"ΤΟ ΠΟΛΥΤΕΧΝΕΙΟ ΖΕΙ"

.................. polytexneio ........................

17 ΝΟΕΜΒΡΗ: ΠΑΓΚΟΣΜΙΑ ΗΜΕΡΑ ΚΙΝΗΤΟΠΟΙΗΣΗΣ ΣΠΟΥΔΑΣΤΩΝ

17 NOVEMBRE
Da oltre sessant’anni il 17 Novembre è una data di grande valore simbolico per gli studenti: in quella data, infatti, centinaia di studenti cecoslovacchi che si opponevano alla guerra furono arrestati e uccisi dai nazisti nel 1939. ...... Η 17 ΝΟΕΜΒΡΗ, Ιστορική Ημέρα μεγάλης συμβολικής αξίας για τους Σπουδαστές όλου του κόσμου... Πριν 68 χρόνια, στις 17 Νοέμβρη 1939, εκατοντάδες Τσεχοσλαβάκοι Σπουδαστές σκοτώθηκαν από τους Ναζί ενώ διαδήλωναν ενάντια στο Πόλεμο....
Ma il 17 Novembre è anche il giorno in cui gli Studenti Greci (più di 80 persone) furono massacrati dai carri armati e gli armi del regime dei colonelli ad Atene nel 1973, Στις 17 ΝΟΕΜΒΡΗ 1973, περισσότεροι από 80 Ελληνες Σπουδαστές και απλοί πολίτες υπήρξαν Θύματα της Χούντας των Συνταγματαρχών, στην Αθήνα.......... L’assemblea mondiale di Bombay del World Social Forum decise alcuni anni fa di ripristinare questa data della memoria e di renderla un momento importante di mobilitazione studentesca........ Η Παγκόσμια Συνέλευση Του World social Forum στη Βομβάης, πριν μερικά χρόνια, αποφασίζει να ονομάσει την 17 ΝΟΕΜΒΡΗ, Παγκόσμια Ημέρα Κινητοποίησης των Σπουδαστών....... Migliaia di studenti in tutto il mondo oggi si mobiliteranno perché siano riconosciuti i diritti degli studenti, perché sia garantito a tutti/e nel mondo il diritto all’istruzione, perché l’istruzione resti un bene pubblico e non venga privatizzato come sta avvenendo nei paesi in via di sviluppo. ..... Χιλιάδες Σπουδαστές σ'ολο τον Κόσμο, σήμερα συμμετέχουν σε Κινητοποιήσεις υπέρ της αναγνώρισης των Δικαιωμάτων των Σπουδαστών για Ελεύθερη Παιδεία.... In tutto il mondo ci mobiliteremo per far si che si realizzi quanto recita l’articolo 26 della Dichiarazione Universale dei diritti umani: “Ogni individuo ha diritto all’istruzione (…) Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza e l’amicizia fra tutte le nazioni, i gruppi razziali e religiosi, e deve favorire (…) il mantenimento della Pace” ....... Σ' όλο τον Κόσμο Σήμερα υπάρχουν Εκδηλώσεις, Κινητοποιήσεις και Διαδηλώσεις υπέρ του 'Αρθρου 26,"Των Ανθρωπίνων Δικαιωμάτων" : "Κάθε Άτομο έχει Δικαίωμα στη Μόρφωση.... Η μόρφωση προωθεί την κατανόηση, την συναλλαγή και την Φιλία μεταξύ των λαών, ανεξάρτητα της χώρας, της Φυλής και της Θρησκείας.... με στόχο να ενισχύεται και να διατηρείται η ΕΙΡΗΝΗ μεταξύ των Λαών"

Πέμπτη, 15 Νοεμβρίου 2007

ΝΟΣΤΑΛΓΙΑ - NOSTALGIA

Durante tutto il viaggio la nostalgia non si è separata da me..... Nazim Hikmet ............ Durante tutto il viaggio la nostalgia non si è separata da me, non dico che fosse come la mia ombra, mi stava accanto anche nel buio, non dico che fosse come le mie mani e i miei piedi quando si dorme si perdono le mani e i piedi io non perdevo la nostalgia nemmeno durante il sonno. Durante tutto il viaggio la nostalgia non si è separata da me non dico che fosse fame o sete o desiderio del fresco nell'afa o del caldo nel gelo era qualcosa che non può giungere a sazietà non era gioia o tristezza, non era legata alle città, alle nuvole, alle canzoni, ai ricordiera in me e fuori di me. Durante tutto il viaggio la nostalgia non si è separata da me e del viaggio non mi resta nullase non quella nostalgia.

ΠΕΣΜΕΝΑ ΦΥΛΛΑ

Foglie morte................. Oh! che già il vento volta e porta via le pioggie! Dentro la quercia foltaruma le foglie roggie che si staccano, e fru...partono; un branco ad ogni soffio che l'avviluppi. Par che la quercia sogniora, gemendo, i gruppi del novembre che fu. Volano come uccelli, morte nel bel sereno: picchiano nei ramelli del roseo pesco, pieno de' suoi cuccoli già. E il roseo pesco oscilla pieno di morte foglie: quale s'appende e prilla, quale da lui si toglie con un sibilo, e va. Ma quelle foglie morte che il vento, come roccia, spazza, non già di morte parlano ai fiori in boccia, ma sussurrano— Orsù! Dentro ogni cocco all'uscio vedo dei gialli ugnoli: tu che costì nel guscio di più covar ti duoli, che ti pèriti più? Fuori le aluccie pure, tu che costì sei vivo! Il vento ruglia eppure esso non è cattivo. Ruglia, brontola: ma contende a noi! Chè tutto vuol che sia mondo l'orto pei nuovi fiori, e il brutto, il secco, il vecchio, il morto, vuol che netti di qua. Noi c'indugiammo dove nascemmo, un po', ma era per ricoprir le nuove gemme di primavera. Così dicono, e fru...partono, ad un rabbuffo più stridulo e più forte. E tra un voletto e un tuffovanno le foglie morte, e non tornano più. .............Giovanni Pascoli

ΦΘΙΝΟΠΩΡΟ και ΠΟΙΗΣΗ

Un tempo era d’estate, era a quel fuoco, a quegli ardori, che si destava la mia fantasia. Inclino adesso all’autunno dal colore che inebria, amo la stanca stagione che ha già vendemmiato. Niente più mi somiglia, nulla più mi consola, di quest’aria che odora di mosto e di vino, di questo vecchio sole ottobrìno che splende sulle vigne saccheggiate . V. Cardarelli

FELICITA'

FELICITA'....... Pablo Neruda.......... Io andavo lungo il sentiero, tu venivi, il mio amore cadde tra le tue braccia, il tuo amore tremo' nelle mie. Da allora il mio cielo di notte ebbe stelle e per raccoglierle la tua vita si fece fiume. Per te ogni roccia che toccheranno le mie mani deve essere sorgente, aroma, frutto e... fiore.

ΤΡΑΓΟΥΔΙΑ Π'ΑΓΑΠΩ....

LA PRIMA COSA BELLA (N.Di Bari Mogol)........... .... Hai preso la chitarra e suoni per me il tempo di imparare non l'hai e non sai suonare ma suoni per me La senti questa voce chi canta è il mio cuore amore amore amore è quello che so dire ma tu mi capirai I prati sono in fiore profumi anche tu ho voglia di morire non posso più cantare la colpa sei tu La prima cosa bella che ho avuto dalla vita è il tuo sorriso giovane sei tu Tra gli alberi una stella la notte si è schiarita il cuore è innamorato sempre più sempre più La senti questa voce chi canta è il mio cuore amore amore amore è quello che so dire ma tu mi capirai I prati sono in fiore profumi anche tu ho voglia di morire non posso più cantare la colpa sei tu La prima cosa bella che ho avuto dalla vita è il tuo sorriso giovane sei tu Tra gli alberi una stella la notte si è schiarita il cuore è innamorato sempre più sempre più La senti questa voce chi canta è il mio cuore amore amore amore è quello che so dire ma tu mi capirai

Τετάρτη, 14 Νοεμβρίου 2007

PAUL ELUARD

"Voleva farsi piccola per stare nel suo orecchio e sussurrargli sempre parole d'amore. Voleva farsi piccola per stare nel palmo della mano o dentro una manica per farlo sentire meno solo, voleva farsi piccola per stargli sulle labbra e baciarlo ogni volta che le socchiudeva..." Paul Eluard

ΝΙΚΟΣ ΓΚΑΤΣΟΣ

Nikos Gatsos......
Amorgòs......................... di Maria Caracausi........ Nella letteratura neogreca un caso esemplare è costituito da Nikos Gatsos (1911-1992). Giovane poeta della generazione del Trenta, sensibile alle istanze culturali europee, pubblicò nel 1943 quella che sarebbe rimasta l’opera della sua vita, il poema d’ispirazione surrealista Amorgòs. Osannata dal pubblico quanto denigrata dai critici al suo apparire, quest’opera è stata come poche oggetto di mitizzazione nel corso degli anni (si diffuse, tra l’altro, la leggenda che fosse stata composta in una sola notte). Definita di volta in volta “poema della vita e della morte” per l’alternarsi di tematiche differenti e contraddittori stati d’animo, “summa della letteratura neogreca” per la molteplicità dei riferimenti culturali, “trasposizione poetica della storia della Grecia moderna”, quest’opera visionaria costituisce un unicum probabilmente irripetibile.
Nelle sue molteplici sfaccettature, elementi squisitamente greci per forma e contenuto (tradizioni, modi del canto popolare) coesistono con le più sofisticate tecniche surrealiste, grazie all’arte del poeta, capace di conciliare l’inconciliabile. Il nome di Gatsos è accompagnato da una certa aura di mistero perché, dopo aver dato vita a un’opera prima singolare e coinvolgente come Amorgòs, il poeta smise semplicemente di scrivere poesia. Di questo suo rifiuto (peraltro sorte comune ad altri poeti, greci e no) i critici si sono affannati a cercare le cause, senza però approdare a una soluzione decisiva. È certo comunque che per Gatsos non si può parlare di silenzio, dal momento che per tutta la vita continuò ad esprimersi poeticamente: non più nei modi della poesia “ufficiale”, ma con testi per canzoni, poi musicate da compositori di fama e talento come Chatzidakis e Theodorakis. Tra queste canzoni e Amorgòs esiste una strettissima parentela, evidente nei temi, nelle immagini, financo nelle parole usate.

Δευτέρα, 12 Νοεμβρίου 2007

ΒΑΣΙΛΗΣ ΠΑΠΑΚΩΝΣΤΑΝΤΙΝΟΥ

VASSILIS PAPAKONSTANTINOY........ Cantante Greco dei piu' amati, nato in Vasta di Arcadia, Peloponesso di Grecia... a 12 anni ha cominciato di suonare la chitarra.... La prima sua compania musicale l'aveva chiamata CROSSWORDS, dove cantava allora canzoni italiani.... il 1973, dopo finito il servizio militare viaggia in Germania (Monaco)... e prende parte alla lotta contro il fascismo in Grecia... il 1974, incontra a Parigi, Mikis Theodorakis... e ritornando a Atene canta con Manos Loizos... "Ta Tragoudia tou Dromou".... il 1978 segue Mikis Theodorakis nelle sue presentazione in Europa, America ed Australia. E' iniziato cosi il suo lungo cammino musicale, che dura finora 34 anni, diventando il più famoso cantante Rock della Grecia. La sua personalità, la sua passione musicale.. il forte tamperamento e le sue idee libere.. lo hanno portato tra i primi nella gara delle preferenze dei giovani e non solo!

Σάββατο, 10 Νοεμβρίου 2007

OGGI..... ΣΗΜΕΡΑ......

Oggi...... dobbiamo ascoltare quella voce umana che chiamiamo poesia, quella voce che rischia sempre di andare estinta per mancanza di amore, ma che sempre rinasce. Minacciata, trova sempre un rifugio. Rifiutata, rimette sempre radice nei luoghi più impensabili. Non fa distinzione tra luoghi grandi o piccoli; la sua patria è nel cuore degli uomini di tutto il mondo; ha la forza di scongiurare il circolo vizioso dell'abitudine. G. SEFERIS

Παρασκευή, 9 Νοεμβρίου 2007

Αλκηστις Πρωτοψάλτη

ΝΑ ΣΕ ΒΛΕΠΩ ΝΑ ΓΕΛΑΣ...... Τα γιατί που μείναν πίσω ρίζες έχουν βγάλει μέσ'τα όνειρά μου όποιο μέλλον και να ζήσω πάντα βρίσκω παρελθόν μπροστά μου....
Κι όλα αυτά που φοβάμαι είναι ακόμα εδώ
Σαν κερί που λοιώνει η αγάπη καιέι και λυτρώνει. Ιερό και μέγα είν' το χθές που κρύβει μια γυναίκα...... Να σε βλέπω να γελάς μου φτάνει μόνο για να ξαναρχίσω να πετάξω μακρυά ν'άνοίξω μόνη μου φτερά.
Η ταχύτητα του χρόνου στάχτη έχει κάνει πιά τα όνειρά μου όποιο μέλλον και ν'αγγίξω πάντα βρίσκω παρελθόν μπροστά μου. Αλκηστις Πρωτοψάλτη

Τρίτη, 6 Νοεμβρίου 2007

ΤΑΣΟΣ ΛΕΙΒΑΔΙΤΗΣ

«Ναι, αγαπημένη μου Εμείς γι’ αυτά τα λίγα κι απλά πράγματα πολεμάμε για να μπορούμε να’ χουμε μια λάμπα, ένα σκαμνί ένα χαρούμενο δρόμο το πρωί ένα ήρεμο όνειρο το βράδυ. Για να’ χουμε έναν έρωτα που να μη μας τον λερώνουν, ένα τραγούδι που να μπορούμε να το τραγουδάμε…» ΤΑΣΟΣ ΛΕΙΒΑΔΙΤΗΣ ...................................................... Si, mia cara Noi per queste piccole e semplici cose lottiamo per poter avere la luce di una lambada un sediolino una strada gioiosa al mattino un sogno sereno alla notte. Per vivere un Amore di non pottessero sporcarlo una canzone per cantare in liberta'. Tasos Livaditis trad. Lunapiena

Δευτέρα, 5 Νοεμβρίου 2007

Come una FARFALLA

Come una Farfalla................. Come una farfalla vorrei vivere ogni mia giornata, con il pensiero che e' l'ultima che ho per godere........ Come una farfalla il mio cuore in cerca del fiore piu bello. Volare, fermarmi, ubriacarmi, dal nectar divino di Vita, lasciarmi gioire nella luce del giorno giocando con un raggio del Sole.......... Come una farfalla vorrei vivere ogni mio minuto... senza aver tempo per rimpiangere occasioni perduti........... Come una farfalla il mio cuore libera dal stretto del tempo, Volare nel sogno... tra un petalo all'altro fermarmi nella mia realta', lasciarmi godere la liberta' dell'attimo illuminata dal tuo raggio d'Amore................ Lunapiena

Κυριακή, 4 Νοεμβρίου 2007

Quando una Storia Finisce...

Quando Una Storia Finisce ................... Quando una Storia di Vita in comune, la quale si era iniziata con un grandissimo rivestimento sentimentale da abbedue le parti finisce nessuno esce senza ferita. In verità sia l'uomo che la donna sono dei perdenti, la separazione in fondo è il risultato di un fallimento, qualunque fossi la sua causa. Le ferite sono molto profondi per tutti due. Il comportamento e le reazioni sentimentali cambiano secondo la personalità della persona. Esiste:-chi è capace di controllare meglio i propri sentimenti cercando di salvare il proprio autorispetto, dimostrando rispetto anche al compagno-a....-chi cerca di salvare il suo equilibrio psichico buttando la colpa solamente al suo-a compagno-a, illudendosi che non ha nessuna colpa per il fallimento della Storia di Vita comune...-chi si sente vittima delle circostanze e vive a lungo con la sofferenza da una ferita che sanguina...-chi assume tutta la responsabilità del fallimento, e si sente colpevole per lunghissimo tempo..e tantissime altre reazioni sentimentali e comportamentali...per breve o lungo tempo...La diffidenza, il terrore di ferirsi ancora, la paura di rivivere un nuovo fallimento o la rassegnazione in una Vita Solitaria sono alcune delle reazioni umane dopo un fallimento di una una importante relazione sentimentale o amorosa.Ogni fallimento di un rapporto importante, dopo una scelta di Vita Sentimentale, non viene mai dall'improvviso... segue una serie di cause da errori o sbagli fatti... che si devono riconoscere come tali ed essere affrontare con il massimo rispetto per Se stessi e per l'altro... per essere cosi in grado di NON commettere più gli stessi sbagli o errori e per NON rivivere un altro fallimento in seguito... perchè purtroppo si ripettono sempre nella Vita gli sbagli che NON sono riconosciuti come tali. ...hai ragione Anna, che tutti... "uomo o donna che siano, cercano in fondo la stessa cosa..." ma.. per essere capaci di prendere quel che veramente desidera l'uomo, deve prima di tutto riconoscere quale è il proprio Vero DESIDERIO, scegliere Bene la Persona con la quale sarà possibile Vivere una Vita comune in armonia... ed essere tutte due profondamente Liberi per regalare a Se Stessi ed all'altro la vera soddisfazione di poter Vivere insieme in Amore... altrimenti è meglio vivere alla giornata, come gli uccelli del cielo,amando la propria solitudine cercando di farla interessante.E tutto questo diventa più significante e serio se ci sono anche dei figli che pur non colpevoli sono costretti di subbire e vivere le conseguenze delle scelte dei loro genitori.. Lunapiena

La Mia Rosa Bianca

La Mia Rosa Bianca ............. Camminando al mattino con la voglia di godere l'aria pulita nella natura, mi son trovata a guardare un fiore bianco. La sua bellezza ha rubato la mia attenzione dal panorama per un attimo. Una Rosa bianca. Il desiderio di goderla era cosi forte. Questa rosa mi piace troppo!... la desidero tanto! voglio farla mia! Che magnifica sfumatura di bianco il suo vestito... che lineamenti sottili alla sua forma, che profumo meraviglioso si emmerge dai suoi petali. Ho una voglia matta di toccarla... come il vento di primavera, come un raggio di Sole. Quanta dolcezza arriva al mio cuore... La pianta materna mi sembra orgogliosa e i suoi fratelli gelosamente la guardano. E' la piu' bella di tutti questa Rosa Bianca.... Mi raggiunge come una tempesta la voglia del possesso... Il desiderio goloso di tenerla solo per me quella Rosa bianca... Sara meglio nel vaso del mio salotto,sto pensando... In quel vaso del mio cristallo prezioso. Forse anche alla mia rosa piacera' cambiare ambiente... Il viaggio piace tanto a noi essere umani, ma anche agli uccelli, anche agli animali. La mia Rosa conoscera' un pezzo del mondo che nessun'altra rosa ha visto mai... Saro io a curarla con tanto affetto, con tanta premura. Il mio desiderio.... la mia voglia di possesso.... vestita da belle idee e fantasia colorata... per poco non mi ha portata a fare quell'azione violenta, di cambiare il percorso di vita alla mia desiderata... adorata Rosa bianca...Con questi pensieri ho perso dalla mia vista la sua bellezza. L'ombra della richiesta del mio bisogno di conservare la bellezza e la sua durata a lungo nella vita con modi tecnici... contro le regole della natura, che sa sempre conservare le sue bellezze.... le nuvole grigi della mia voglia del possesso.... per sentirmi ricca e forte, hanno nascosto per un attimo la mia capacita' di Amare. Che lotta dentro di me... Guardando nei livelli piu' profondi di me, ho riconosciuto quella mia paura sempre presente.... eh si!!! quella paura che tutto quel che amo puo sparire... puo' in un attimo perdere la sua bellezza.... la sua vitalita'... la sua vita... La paura della morte della Bellezza e della Vita... Che lotta!.... il mio bisogno di controllare, di conservare a lungo, di vincere ad ogni costo. Una lotta perpetua....Decido di scrivere le mie emozioni, di cogliere l'attimo della mia esistenza, per non perdere anche loro... Non mi piace l'oblio. Sa di morte. E' tanto bianca... senza nessuna sfumatura... senza nessuna Bellezza... Il rosso della mia penna mette almeno un po di colore. Ma non mi basta. Cerco di dipingere, la pianta della mia Rosa Bianca... Conservo cosi i miei sentimenti... le mie emozioni e la mia Rosa Bianca nel suo naturale ambiente... Conservo la sua immagine nel tempo... il suo ricordo aiutando la mia memoria e la fantasia dell'altro che la volesse in futuro godere... Conservo cosi la sua bellezza nel tempo... senza il pericolo della violenza. Che stana serenita' dentro a me... Eh... Si. Posso ancora desiderare, posso ancora godere, posso ancora giocare a vincere il dolore e la paura della perdita... posso ancora illudermi che sono un po' anche creatore della bellezza... Ma in fondo-fondo, questa mia decisione mi ha salvato da quelli rimorsi di una voglia di distruggere, in nome dell'Amore... Lunapiena

Παρασκευή, 2 Νοεμβρίου 2007

STOP ALLE BOMBE CLUSTER,

STOP ALLE BOMBE CLUSTER, MINE A TUTTI GLI "EFFETTI" La Campagna italiana contro le mine chiede al Governo italiano di approvare urgentemente il disegno di legge di modifica della normativa 374/97 (messa al bando delle mine antipersona) con l'obiettivo di estenderne gli effetti anche alle cluster bombs, micidiali ordigni che colpiscono prevalentemente la popolazione civile e la ratifica del V protocollo della CCW (Convenzione sulle armi inumane). La Convenzione vieta l’uso di armi che sono considerate motivo di sofferenza ingiustificabile o non necessaria soprattutto verso la popolazione civile.............. Dei 100 stati che hanno ratificato la Convenzione, soltanto 23 hanno firmato il protocollo aggiuntivo.
GRAZIE!Il tuo aiuto e quello di molti altri puo' servire a far cambiare le cose!

ΜΕΛΙΝΑ ΜΕΡΚΟΥΡΗ

Melina Mercouri era una donna capace e molto bella. Nota soprattutto come attrice, cantante e donna politica, nacque ad Atene nel 1922, in una famiglia molto in vista, poichè il nonno fu sindaco della capitale greca per molti anni. Sebbene Melina non fosse una studentessa brillante, era in effetti dotata di una intelligenza fuori dal comune e di una staordinaria determinazione nel raggiungimento dei suoi scopi. Riuscì a far carriera nel mondo della musica e del cinema, esordì sulle scene nel 1944, in quegli stessi anni, il suo impegno nella lotta contro la dittatura fascista, le costò l'esilio, che sarebbe durato fino al ritorno della democrazia.
Nel 1951-52 recitò a Parigi in commedie di M. Achard e J. Deval. Dopo l'esordio in Stella (1955) di M. Cacoyannis, la sua attività cinematografica fu in gran parte legata a quella del regista J. Dassin con cui si sposò nel 1966 e di cui ha interpretato Colui che deve morire (1957), La legge (1958), Mai di domenica (1960), Fedra (1962), Topkapi (1964), Alle 10.30 di una sera d'estate (1966). Dopo il colpo di stato militare del 1967 Melina decide di abbandonare il mondo dello spettacolo per impegnarsi attivamente in politica per il ripristino della democrazia in Grecia. Fu eletta deputato al parlamento per il Movimento Socialista Panellenico (PASOK) e fu Ministro della Cultura per dieci anni.
Si è instancabilmente battuta per la restituzione dei Marmi del Partenone, promuovendo numerose iniziative per il loro definitivo ritorno in Grecia.
Il suo nome è stato sinonimo di determinazione, combattività e abnegazione.
E' scomparsa il 6 Marzo del 1994, e i suoi Funerali di Stato hanno costituito un momento di profondo cordoglio per tutti i greci, al di là di ogni colore politico.

Αν η ΜΟΥΣΙΚΗ.....

"Αν η μουσική είναι η τροφή του έρωτα, συνέχισε να παίζεις!"
"If music be the food of love, play on!" ...............
"Se la musica alimenta l'Amore, continua a suonare!" ................ William Shakespeare

Πέμπτη, 1 Νοεμβρίου 2007

ΠΟΙΗΣΗ και ΝΟΕΜΒΡΗΣ

Novembre Gemmea l'aria il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l'odorino amaro
senti nel cuore…
Ma secco è il pruno e le stecchite piante di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo e cavo al piè sonante, sembra il terreno.
Silenzio, intorno: solo alle ventate, odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cader fragile. E' l'estate, fredda, dei morti.
G. Pascoli