Τετάρτη, 31 Οκτωβρίου 2007

Occhi che Parlano.....

OCCHI che PARLANO...................... Ci sono momenti che le parole NON servono... sono troppo povere per descrivere quel che succede nell'anima..... Ci sono momenti immersi nel fondo del silenzio e coperti di un velo fitto di tristezza, come quelle notte nuvolose d'autunno in un bosco bruciato, dopo un crudele incendio estivo....... Ci sono momenti che il cuore si gela e il corpo cerca di reagire e non trova la forza della voce... e' solo il respiro che guida l'eco di un desiderio che non si puo' avverare mai......... Ci sono momenti che vivere diventa una faticae' il dolore che regna nell'anima e non esiste via d'uscita....... Ci sono momenti che non seguino il ritmo del tempo, momenti immensamente umani, che la vita incontra la morte........... Ci sono momenti che tutto sembra che si e' fermatoIl corpo diventa pesante, l'atmosfera sembra gelida e l'orizzonte scompare in quel buio senza speranza. Solo gli occhi parlano... Era l'unico modo di essere insieme, l'unica via di communicaree di sentirci ancora vivi in quel incontro con la morte...all' inizio era solo un breve incontro di rossi sguardisangue e lacrime che lottavano per scaldare l'anima...sguardi lucidi pieni di lacrime che non volevano uscireper non perdere l'unica possibilita' di vista... e di vita.
Quante parole immerse in quelli sguardi umaniche nella loro profondita' si conserva e si salva l'amore umano... Quel breve incontro dei sguardi e diventato poi un dialogotra persone vive nel loro inaspettato incontro con la morte e con il passare dei minuti... e delle ore in silenzio quell'incontro di sguardi era un scambiamento di calore e le mani si alzano per sfiorare con rispetto la pelle,una leggera carezza d'affetto immensamente umanae' il vero sostegno nell'incontro con la morte. Ci sono momenti che l'uomo ha bisogno di un altro uomoper poter tirare avanti al suo lungo cammino di lutto... Ci sono momenti che le parole sono troppo povereper comunicare l'amore umano che vive in noi. Sono gli occhi che parlano.......Lunapiena

ma...cosa cercate?

Una sera in una Comunita' Virtuale, che ero iscritta avevo scritto questo piccolo racconto, che avevo salvato nel mio PC. Rileggendo stamatina, (metto un po di ordine nel mio PC..) mi e' piaciuto e vorrei condividerlo con Voi....... ........................ "Ciaooo... Ma chi siete??? Che genere di canti sono questi??? Sembrano urli... grida... di quella specie di animali selvaggi... che mia mamma mi diceva che se qualche volta capitasse di sentirli... di volar via!!! Ma la mia curiosita' e' piu' forte della mia paura!!! Ma dove sono finite le vostre ali??? Mi devo presentare... Sono un piccolo uccellino Rosso... Mi chiamano TRIPOCARDO... perche' mi piace nascondermi per osservare il mondo. Questa foresta una volta era piena di Vita. Alberi verdi, fiori colorati, uccelli che cantavano felici, animali liberi e robusti, che correvano qua e la' in cerca del cibo. Una foresta piena di Vita, ma... un giorno lontano... un mago invidioso, con la sua malizia e tanta cattiveria, ha potuto fermare la vita. Era un essere anomale selvaggio, con Due piedi come noi uccelli, ma senza le ali... Il suo sguardo era di ghiaccio e il suo cuore di cristallo. Voleva stare sempre solo, senza un amico... senza amore... Adorava solo il potere.... Diceva di essere un Re, cosa e' poi questa cosa? Mai non me l'ha spiegata la mia mamma, Poveretta!.. molto tardi ho capito che non poteva sapere Tutto.
Io quel giorno mi ero nascosto, in quel Grande Fiore Rosso, per la paura e la mia curiosita'. La mia fortuna, come diceva la mia mamma era sempre anche la mia sfortuna. Tutti erano affascinati dai miei colori, ma questi colori erano quelli che mi rendevano Bello e Debole, nello stesso momento... Non potevo nascondermi tra le foglie come tutti i uccelli. Ero in pericolo, subito davo nell'occhio... Cosi ho imparato ad essere prudente per salvare la mia Vita. E voi???? cosa cercate... qui??? Ho sentito bene? Non sapete Dove andare? Non sapete nemmeno la Strada? Non avete nemmeno le ali!!!! Cosa sono questi affari in queste cose che dovevano essere le vostre ali???? A cosa vi servono???
COSA CERCATE??? Sapete almeno cosa cercate??? Come siete Strani... e che modo avete di litigare!!!! C'era tanto silenzio qui prima di Voi. Speravo tanto di sentire un canto. Mi sentivo tanto solo. E' questa che Voi chiamate Bellezza per me era la Morte. SILENZIO di Morte... una grandissima tomba! Ero tanto felice sentire i vostri passi... ma,
COSA CERCATE???? Sapete almeno cosa cercate???"
....................
Γειά σας... μα ποιοί είστε? Τι είδος κελάηδισμα είναι αυτό! Μοιάζουν σαν ουρλιαχτά... κραυγές από εκείνα τα άγρια ζώα που η μαμά μου έλεγε.. άν κάποτε τύχει να τα ακούσω, να πετάξω μακρυά!!!... αλλά η περιέργειά μου είναι πιό δυνατή από τον φόβο μου... Πού πήγαν τα φτερά σας? ωχ! ξέχασα να σας συστηθώ.. είμαι ένα μικρό κόκκινο πουλί.. το ονομά μου είναι Τρυποκάρυδος, ίσως γιατί μου αρέσει να κρύβομαι και να παρατηρώ τον κόσμο... Αυτό το δάσος ήταν κάποτε γεμάτο ζωή! Καταπράσινα δένδρα.. λουλούδια με χίλια χρώματα... πουλιά που κελαηδύσανε ευτυχισμένα... δυνατά και ελεύθερα ζώα που έτρχαν δω και κεί για να βρούν τροφή!!.. Ένα δάσος γεμάτο ζωή! Αλλά μια μέρα, ένας φθονερός μάγος με κακοήθεια και κακία.. κατάφερε και σταμάτησε τη ζωή. Ήταν ένα άγριο ζώο που είχε δύο πόδια, όπως και μείς, αλλά δεν είχε φτερά... Το βλέμμα του ήταν παγωμένο και η καρδιά του από κρύσταλλο. Ήθελε να μένει πάντα μόνος.. δεν είχε ούτε ένα φίλο.. και δεν ήξερε ν'αγαπάει... Λάτρευε μόνο την εξουσία.. Έλεγε ότι ήταν κατι... να δεις πως το'λεγε... "βασιλιάς".. τι να'ναι άραγε αυτό? ποτέ δεν θυμάμαι να μου το είπε η μαμά μου.. Την καημένη!.. πολύ αργότερα κατάλαβα ότι δεν μπορούσε να τα ξέρει όλα..
Εγώ εκείνη τη μέρα είχα κρυφτεί.. από φόβο και περιέργεια, ανάμεσα στα φύλλα ενός τεράστιου κόκκινου λουλουδιού.. Η τύχη μου ήταν πάντα και ατυχία μου, έλεγε η μαμά μου. Όλοι θαύμαζαν τα χρωματιστά φτερά μου.. αλλά ήταν αυτά που με έκαναν την ίδια στιγμή ωραίο και αδύναμο.. Δεν μπορούσα να κρυφτώ ανάμεσα στις φυλλωσιές των δένδρων, όπως όλα τα άλλα πουλιά.. Ηταν επικίνδυνο.. αμέσως τράβαγα την προσοχή.. Έτσι έμαθα να είμαι προσεκτικός.. για να σωθώ.
Και σεις??? Τι ψάχνεται εδώ?? Κατάλαβα καλά? Δεν ξέρετε, λέτε.. που να πάτε?? Δεν ξέρετε ούτε το δρόμο??? Χάσατε το μονοπάτι?? Δεν έχετε ούτε φτερά!!.. Τι είναι αυτά τα πράγματα.. που έχετε εκεί που έπρεπε να είχαν φυτρώσει τα φτερά σας????... Τι σας χρειάζονται???
Τι ψάχνετε? Ξέρετε τουλάχιστον τι ψάχνετε??? Πόσο παράξενοι είστε!! και τι περίεργα που μαλώνεται!.... Ήταν τόσο σιωπηλά εδώ.. πριν φτάσετε! Ήλπιζα τόσο ν'ακούσω ένα τραγούδι... Αισθανόμουνα τόσο μόνος! Δεν σας καταλαβαίνω! Αυτό που εσείς ονομάζεται ωραίο.. εγώ το λέω θάνατο. Σιωπή θανάτου... ένας τεράστιος τάφος! κι ήμουνα τόσο ευτυχής όταν άκουσα τα βηματά σας.... Αλλά... Τι Ψάχνετε????... Ξέρετε τουλάχιστον Τι Ψάχνετε???? Lunapiena

Κυριακή, 28 Οκτωβρίου 2007

Ci sono Momenti che....

Ci sono momenti che l'Anima Sorride Era seduta sulla panchina e guardava l'azzurro infinito del Mare, quel mare di Egeo che tanto amava... Sul tavolino una tazza di caffe', il suo espresso macchiato. Adora quel colore di cioccolato.... ricorda tanto la sua infanzia.... e le cure d'amore di sua mamma.... Il suo caldo lo sentiva scendere nella golla riscaldando il corpo cacciando via quel brivido di umidita' del tramonto. Il suo sguardo segue il cammino del vento primaverile che accarezza la superficie del mare formando mille onde che portano sfumatture di azzurro sul Mare ancora scuro. Sembra che ballano sotto la luce rosastra del tramonto... L'orizzonte vestito di mille colori.... una dolce tristezza mischiata con tantissima Nostalgia.... Il sole sembra inginochiarsi sul mare chiedendo perdono per la sua assenza.... I suoi raggi accarezzano l'elemento liquido... che sembrava tremare dall'emozione... Una scena d'amore... A volte l'emozione e' forte.... come la Nostalgia di Lui... che torna sempre in silenzio nel suo cuore.... Accede una sigaretta, un'abitudine rimasta nel tempo... gioca con il fumo... Piccoli cerchi escono dalla sua bocca... come messaggi indiani... Gli guarda che si allontavano in aria.... Sorride dolcemente... Chi sa a cosa pensa.... gli piaceva giocare con il fumo... si ricorda che era la ragione che l'ha portata a fumare.... Giocava a mandare messaggi d'Amore al suo ragazzo... a lui che nella vita, gli ha regalato l'arte di amare, senza egoismo e senza compromessi... Il suo sguardo si perde nell'infinito del cielo.... Sta navigando nel tempo... Corre molto la mente tra memorie e desideri.... una corsa di lotta del cuore in solitudine... una solitudine tanto amata... Silenzio parlante... Sente il respiro di tanti ricordi che tornano sempre in silenzio, come colombe bianche, che volano in cerca della liberta'... verso l'azzuro del cielo.... Ci sono persone che non si possono mai scordare.... le trova sempre nel suo cuore.... Sono per sempre ospiti d'onore.... Un gabbiano sta per raggiungere la superficie liquida.... il suo becco atraversa la trasparenza azzurra dell'acqua marina. Ha afferato giusto un piccolo indifeso pesciolino... Per il momento la sua cena era perfatta.... Sbatte forte le sue ali.... si alza e comincia a volare intorno.... Era cosi buona la sua cena.... vuole far durare il suo gusto ancora. Come e' bella la Vita.... con la sua semplicita'.... Accarezza con la mano i suoi capelli, gli sistema in modo di non disturbare il suo campo visivo. Si lascia perdere in liberta' sugli ali del gabbiano. La fantasia completa a volte il desiderio. Un segno nero sull'orizzonte si avvicina lentamente.... Una Nave militare.... la porta nella cruda realta, che l'aggressivita' della guerra esiste... poco lontana da lei.... che la morte fa parte della vita... un brivido di orrore si e' impadronito il suo corpo. Una lacrima scivola sul suo volto.... La tristezza e' ritornata al cuore... Sono molto dificili questi giorni... L'ingiustizia e l'arroganza regna al mondo... ha vinto ancora una volta, regalando miseria e morte.. Quanda falsita'... quanta ignoranza... accompagna sempre la cattiveria e il bisogno di un potere possessivo... Sono state sempre pericolose le persone di questo tipo.... distrungono ogni bellezza senza coscienza.... forse per ignoranza... forse per invidia.... forse per un bisogno di riempire il loro vuoto e il senso della loro debolezza e paura... Non hanno visto mai un gabbiano volare verso l'azzurro della sua liberta'.... non hanno capito la vera forza della Natura e mai hanno incontrato la vera ricchezza del mondo. La liberta' della scelta non puo' entrare nella miseria di una mente malata... Guarda il mare... e poi il suo sguardo si perde nell'infinito azzurro del cielo... Il Sole sorride... i suoi raggi giocano con le piccole nuvole bianche... La speranza di una nuova giornata di Sole per il mondo accarezza l'Anima... Un dolce sorriso riappare al suo volto. La Vita continua, pensa.. come l'azzurro del mare si rispecchia l'azzurro infinito del cielo... Sono momenti che l'Anima sorride.... regalandoci la forza per sopportare la tristezza e il dolore che ci portano le bruttezze del mondo... Sono momenti che la Speranza, ci prende per mano... Sono momenti che l'Anima si libera, e si lascia volare sulle ali di un gabbiano............. Lunapiena

Il Sole e la Luna

Il Sole ci dà la luce, ma la Luna ci regala l'ispirazione. Se guardate il Solesenza proteggere gli occhi, diventerete ciechi. Se guardate la Luna, senza coprirvi gli occhi, diventerete poeti..... Serge Bouchard

Il più Bel Tappeto

Il piu' Bel tappeto...
Ha piovuto molto stanotte, si son aperte le fontane del cielo e la sua acqua purificante ha bagnato la terra. Il vento ha portato lontano la polvere. Il bosco festeggia. Sono uscita di casa per andare al mio lavoro. Un euforia insolita riempie il mio cuore. Mi sorprende quella lacrima di gioia che cerca di pulire il mio sguardo. Tutto pulito intorno... e' come se una mano divina aveva deciso di pulire la grande citta'. L'aria e' profumata di un sapore di bosco. Il vento accarezza il mio viso, fa scorrere il sangue con quella velocita' del piacere. Il mio cuore batte forte. L'immagine davanti agl'occhi miei e' stupenda. Tutte le stradine del mio quartiere sono vestite di festa. Un bellissimo tappeto da foglie colorate si distente da per tutto. Sotto i miei occhi tutta la bellezza della natura. Mi sento strana. Come posso permettermi di camminare su questa meraviglia. Ho paura di distruggere questa infinita bellezza. In punto di piede compio passi leggeri e brevi. Mi sento ballare la piu' bella danza classica. Il mio cavagliere di danza e' il vento. Ho una strana voglia, un desiderio amoroso profondo. Mi sento felice... Quanta felicita'... nel mio essere di donna. Una strana speranza mi accoglie nel suo regno e mi fa volare... Le mie mani Ti cercano... La mia esistenza Ti sente... La fantasia Ti porta vicino. La mia pelle sente il Tuo ardente abbraccio. La mia memoria mi porta la dolcezza della Tua voce. L'anima mia canta l'inno del nostro Amore. Vivo un sogno... un sogno che vince il tempo. Mi sento dentro la luce di graditudine... per Te che hai la forza di regalarmi tanta felicita'. Graditudine per la Vita... che ha il potere di farmi sentire tutta questa bellezza. Mi sento ricca... e' mia tutta questa ricchezza di tesori preciosi ed innumerevoli... e' tutta mia la ricchezza della Natura. Ammirazione profonda. Mi stupisce tutta questa semplicita'... Mi perdo nella bellezza tra la realta' e la fantasia, come un bimbo che per prima volta si e' riuscito a vivere una favola. Sorride il mio cuore.
E' Bella la Vita.... Continuo a camminare danzando con Te, su questo tappeto fatale. Mi sento fortunata... Ho tanta voglia di cantare.Ha piovuto molto stanotte... e continua a piovere ancora gocce di eterna felicita'. Son arrivata alla mia macchina. Non ho la voglia di andare al lavoro. Mi siedo al volante. Chiudo gl'occhi e mi lascio trasportare dalla fantasia lontano, in altri posti. Mille immagini di bellezza insieme a Te. Ho camminato tutte le vie della nostalgia, tra il Tuo abbraccio mi sentivo serena, aperto il cuore all'Amore. Ho sentito il Tuo calore... il Tuo desiderio ha riscaldato la mia anima, il mio Amore mi apre le porte del Paradiso. Mi sento piena di una Bellezza insolita, mi sento capace di Vivere. Sorride l'Anima, gode in pieno la sua giovinezza. La mia mano cerca la radio... trovo la mia stazione preferita... e come se qualcuno ha deciso di regalarmi la piu' grande felicita' stamattina... arriva quella canzone che parla di Noi... Una scelta perfetta completta il quadro del mio sentire... Ascolto la nostra canzone d'Amor. Sento in me... la tua voce calda... che mi sussura con quella tua dolce tenerezza: "non esiste la distanza.. per l'anima che sa amare"... Lunapiena

PAROLE di CUORE

Ha piovuto molto stanotte... e continua a piovere ancora gocce di eterna felicita'. Son arrivata alla mia macchina. Non ho la voglia di andare al lavoro. Mi siedo al volante. Chiudo gl'occhi e mi lascio trasportare dalla fantasia lontano, in altri posti. Mille immagini di bellezza insieme a Te. Ho camminato tutte le vie della nostalgia, tra il Tuo abbraccio mi sentivo serena, aperto il cuore all'Amore. Ho sentito il Tuo calore... il Tuo desiderio ha riscaldato la mia anima. il mio Amore mi apre le porte del Paradiso. Mi sento piena di una Bellezza insolita, mi sento capace di Vivere. Sorride l'Anima, gode in pieno la sua giovinezza. La mia mano cerca la radio... trovo la mia stazione preferita... e come se qualcuno ha deciso di regalarmi la piu' grande felicita' stamattina... arriva quella canzone che parla di Noi... Una scelta perfetta completta il quadro del mio sentire. ......
Πρίν από μένα πάντα εσύ θα με κοιτάζεις που κοιμάμαι σαν παιδί. Την πόρτα πίσω σου σιγά θα κλείσεις φεύγοντας μετά, ένα όνειρό σου θα'χω πάρει στα κλεφτά. Ψάξε με μες το σκοτάδι, κρύψε με σ΄ένα σου χάδι, φίλα με να μη φοβάμαι, πάρε με αγκαλιά και πάμε... Prima di me sempre Tu mi guardi che dormo come un bimbo la porta chiudi piano piano andando via... un tuo sogno ruberò di nascosto. Cercami nel buio, nascondimi in una tua carezza, baciami per tranquilizarmi, prendimi in braccio ed andiamo via... canzone di Eleftheria Arvanitaki "Ola sto fos " ("Tutto alla Luce")
trad. Lunapiena ............................................ Andiamo via... si!, il quoridiano ci aspetta... all'angolo.. Lunapiena

Σάββατο, 27 Οκτωβρίου 2007

Luigi TENCO

Luigi Tenco: IO VORREI ESSERE LA' SULLA MIA ISOLA VERDE, AD INVENTARE UN MONDO PIENO DI AMICI.. Vorrei essere là per NON dover diffendere giorno dopo giorno il mio diritto di Vivere... ............................................. UNA VITA INUTILE Una vita inutile vivrai se non diventerai qualcuno: questo diceva a me un signore, e la sua casa era un reggia. Una vita inutile vivrai se non saprai capire il mondo: questo diceva a me un poeta, che conosceva mille parole. Provai ad essere qualcuno, però sono rimasto nessuno. Provai a diventare un poeta, ma il mondo non ho capito ancora. Una vita inutile vivrai, se non farai di te quel che vuoi: mi disse un uomo, guardando il mare; una vita inutile, vivrai .................. Luigi Tenco ........................................... "Come mi vedono gli altri" era il titolo della giornata-omaggio che Parma ha dedicato alla memoria del grande cantautore scomparso Luigi Tenco... il 21 Giugno 2007.

ΜΑΡΙΑ ΚΑΛΛΑΣ..... MARIA CALLAS

È il 1923 quando Anna Maria Kalogeropoulos vede la luce a New York Cecilia Sofia. I suoi genitori George ed Evangelia, entrambi greci, per rimediare la perdita del figlio Vasily, morto durante un'epidemia di tifo a soli 3 anni nel 1923, avrebbero voluto un maschio e quando la madre apprese che si trattava di una femmina, per i primi giorni non volle nemmeno vederla, mentre il padre non si curò nemmeno di registrarla all'anagrafe. Certamente i primi anni della sua vita non furono tra i migliori. All'età di 5 anni venne investita da un'auto nella 192a strada a Manhattan, e rimase in coma per ben 22 giorni prima di riprendersi. Maria aveva una sorella maggiore di 6 anni, Jakinthy detta Jackie. Era lei la prediletta in famiglia e per questo godeva di ogni privilegio. Inizialmente era la sola a cui le venivano impartite lezioni di canto e di pianoforte. Maria, invece, era costretta ad ascoltare le lezioni dietro la porta con la differenza che lei riusciva ad imparare subito quello che la sorella apprendeva con tanta difficoltà. A soli undici anni partecipò alla trasmissione radiofonica "L'ora del dilettante", cantando "La Paloma" e vinse il secondo premio (un orologio Bulova).

Για Σένα.... Per Te!

Come ti amo?......................... Ti amo, come si ama un fiore..... delicatamente; per il profumo della tua Anima. Ti amo, come si ama una farfala, disperatamente; ammirando i suoi colori ed il suo modo di volare, corteggiando gli fiori della tua personalita'. Ti amo, come si ama un usignolo.... perdendomi; nella dolcezza della tua voce. Ti amo, come si ama la Notte Stellata.... sognando; Ti amo, come si ama un prato.... in calma; Ti amo, come si ama un Dio.... con speranza; Ti amo, come si ama un Uomo.... in fiducia; Ti amo, come si ama una Promessa.... in segreto; Ti amo, con Amore tenero, dolce e premuroso con Passione.... e Desiderio..... Ti amo, come si ama la Terra.... come si ama l'Aria. Ti amo, come si ama il Mare.... e l'azzurro del cielo, con un Amore che mi riempie l'Anima. Lunapiena

Παρασκευή, 26 Οκτωβρίου 2007

ΓΙΩΡΓΟΣ ΣΕΦΕΡΗΣ

Ο Γιώργος Σεφέρης (πραγματικό όνομα Γιώργος Σεφεριάδης) γεννήθηκε στις 29 Φεβρουαρίου / 13 Μαρτίου του 1900 στην Σμύρνη της Μικράς Ασίας. Γιος τΩου Στυλιανού και της Δέσπως Σεφεριάδη (το γένος Τενεκίδη). Ο Στυλιανός Σεφεριάδης υπήρξε διακεκριμένος ακαδημαϊκός και καθηγητής του Διεθνούς Δικαίου στη Νομική Σχολή του Πανεπιστημίου Αθηνών, συγγραφέας (με πλουσιότατο επιστημονικό έργο) και διπλωμάτης. Την αγάπη του για τη λογοτεχνία θα την μεταδώσει και στα τρία του παιδιά, Γιώργο, 'Αγγελο και Ιωάννα Το 1914, με την αρχή του Α΄ Παγκοσμίου Πολέμου η οικογένεια Σεφεριάδη μετακομίζει στην Αθήνα όπου ο Σεφέρης τελειώνει το Γυμνάσιο το 1917. Κατόπιν θα μεταβεί στο Παρίσι όπου και θα σπουδάσει Νομικά ως το 1924. Ήδη όμως από το 1918 θα εκδηλωθεί η αγάπη του για την ποίηση και θα αρχίσει να γράφει στίχους. Μέτρια, κι όλα μέτρια και μέτρια παντού. Κ’ οι αγάπες μου κ’ οι πόθοι μου, κι’ ότι η καρδιά μου ανειώνει Κ’ η φαντασία της ψυχής, και το είδωλο του νου Καί ο έρωτας της ομορφιάς και του παντοτεινού, με σφίγγουν όλα μέτρια, το μέτριο με παγώνει.

Τετάρτη, 24 Οκτωβρίου 2007

ΧΑΡΟΥΛΑ ΑΛΕΞΙΟΥ

Η Χαρούλα Αλεξίου (πραγματικό όνομα Χαρίκλεια Ρούπακα) γεννήθηκε στη Θήβα το 1950. Το 1970 έκανε την πρώτη εμφάνισή της στο τραγούδι. Το 1972 συμμετείχε (με το Γιώργο Νταλάρα) στο δίσκο «Μικρά Ασία» του Απόστολου Καλδάρα, ερμηνεύοντας 3 τραγούδια, ενώ το 1979 ο δίσκος «Τα τραγούδια της Χαρούλας» με το Μάνο Λοίζο, αποτέλεσε ορόσημο για την καριέρα της. Έχει συνεργαστεί σχεδόν με όλους τους μεγάλους τραγουδιστές, μουσικοσυνθέτες και στιχουργούς της γενιάς της και είναι η πιό αγαπημένη σύνχρονη Ελληνίδα Τραγουδίστρια.

Τρίτη, 23 Οκτωβρίου 2007

ΜΑΝΟΣ ΧΑΤΖΙΔΑΚΗΣ

Manos Hadjidakis (in greco Μάνος Χατζιδάκις) (Xanthi, 23 ottobre 1925 - 15 giugno 1994) è stato un compositore greco e ha svolto anche attività come pianista, direttore d'orchestra (notevolissima la sua "Traviata" nel teatro d'opera di Bruxelles con la regia di Maurice Béjart e del soprano greco Vasso Papantoniou nel ruolo della protagonista) e come direttore artistico della Radio3 greca dopo la liberazione dalla dittatura dei colonnelli. Nel 1960 vinse il Premio Oscar per la miglior canzone con il brano "I ragazzi del Pireo" tratto dal film "Mai di domenica" diretto da Jules Dassin e con la partecipazione di Melina Mercuri facendo conoscere con larghissimo anticipo dal successivo "Zorba" con le musiche del piu noto Theodorakis oltre i confini della angusta Grecia un'identità musicale particolarmente interessante e piena di affettività popolare. Una della colonne sonore piu imponenti e belle della cinematografia mondiale è la partitura che egli ha composto per il capolavoro di Elia Kazan "America America", in Italia noto come "Il ribelle dell'Anatolia" del 1963, un esempio raro di originalità melodica e compositiva che si fonde con la realtà affettiva interna dei personaggi in ogni sequenza di questa epopea cinematografica. Dotato di talento e di uno spiccato senso per la invenzione melodica, scelse prevalentemente la forma "canzone" mettendo in musica importanti poeti greci tra cui due premi nobel per la poesia quali Elytis e Seferis e ancora di altri poeti importanti come Kavafis e Gkàtsos. Fondatore della Orchestra Sperimentale di Atene e della più recente Orchestra of Colours tuttora in attività. La sua vita ricca di avvenimenti è caratterizzata da una vis polemica che certamente non facilitò la sua diffusione pari alla sua originalità. Considerato tra i migliori musicisti greci contemporanei. Il maggior pregio di Hadjiadakis consiste nell’aver dato lustro e valorizzazione alla musica folkloristica del suo paese. Tale riferimento è spesso presente nelle oltre cinquanta partiture scritte per film in tutta Europa. Ha lavorato con registi di grande valore ottenendo consensi dalla critica internazionale, pur avendo avuto pochi contatti con il cinema americano.

ΜΑΝΟΣ ΛΟΙΖΟΣ

Manos Loïzos (Μάνος Λοΐζος) Cantauttore e Poeta, nato il 22 Ottobre 1937 in Alexandria di Egitto e morto il 17 Settebre 1982 in Moscow, Soviet Union Un cantauttore amato dai giovanni ancora ora, una Persona che sapeva lottare fino alla sua fine. La sua musica e le sue poesie parlano al cuore, ha accompagnato magnifestazioni e lotte contro l'ingustizia e la mancanza della Libertà dei popoli. Il 2007 è dedicato dai musicisti greci alla sua memoria passati 70 anni dalla sua nascita e 25 dalla sua morte.

Παρασκευή, 19 Οκτωβρίου 2007

Tempeste ed.... Arcobaleni

La Tempesta ........................ Nuvole Grigie di lacrime, hanno nascosto il mio Sole... e' spenta la luce dei tuo sorriso. Vento feroce di un tradimento, trasformato in vortice... minaccia la rosa del mio balcone. Mulinelli spettacolari appaiano, al mare dei sentimenti... Ed io rimasta ad osservare in silenzio l'ira del tempo. Lunapiena (Marzio 2002)

Πέμπτη, 18 Οκτωβρίου 2007

L'Amore non si puo' morire...

L'Amore non si puo' morire Ho guardato dentro di me. Ho cercato in ogni angolo del mio cuore. Spazi di luce di un piacere per un amore intenso. Spazi di buio della mancanza e tanta nostalgia di te. Sei stato e lo sei ancora il mio più grande amore, come il sangue che mi nutre ed il respiro che mi pulisce. In ogni angolo del mio cuore avevi piantato le tue radici. Accarezzo ancora la tua figura. Mi tornano in mente parole d'amore sentite, con quella voce calda e sincera, e la tua voglia di giocare. Sei stato la mia chiesa dove adoravo il dio dell'infinito amore. Sei vivo dentro di me. Ho cercato in vano a cancellarti con le mie lacrime. Ho cercato di bere l'elisir dell' oblio, il succo di loto come i compagni di Ulisse. Ma le tue sirene giocano ancora con me a cantare il nostro desiderio. Non mi piace chiudere gli orecchi è tanto dolce il loro canto, si mischia con il mio respiro è arriva fino al mio cuore, regalandomi la vita in amore. Non si cancella la tua presenza. Sei il mio più caro ricordo. L'amore non si può morire vive sempre su quell'angolo della mia esistenza, che si è chiamato nostalgia. Io e te siamo uniti per sempre. "Cosa sarebbe veramente il Saturno senza i suoi anelli?" "Cosa sarebbe la Luna senza la riflessione del suo sole?" Senza la nostra storia d'amore, Io non sarei Io e Tu non saresti Tu. Lunapiena

Κυριακή, 14 Οκτωβρίου 2007

Το ΠΕΡΙΒΑΛΛΟΝ

ΠΕΡΙΒΑΛΛΟΝ Με κέντρο τον άνθρωπο, ονομάζουμε "περιβάλλον", κάθε τι που τον περιβάλλει: φύση, κοινωνικές δομές και οι άνθρωποι. Φυσικό περιβάλλον είναι η γή (υπέδαφος, έδαφος, βουνά, πεδιάδες, έρημοι κ.α.) ο κόσμος των φυτών (τα δάση, τα δέντρα, τα φυτά, τα λουλούδια κ.α.) το νερό (ποτάμια, λίμνες, θάλασσα) καθώς επίσης και οι βροχές, τα χιόνια, η ομίχλη, τα σύννεφα, οι βροχές, οι καταιγίδες, ο ατμοσφαιρικός αέρας, οι άνεμοι, οι κυκλώνες, γενικά το κλίμα μέσα στο οποίο ζει και κινείται ο άνθρωπος. Στο παρελθόν το περιβάλλον είχε τον κύριο ρόλο στην ανάπτυξη του πολιτισμού των λαών και συνέβαλλε σημαντικά στην ανάπτυξη της οικονομίας της χώρας που αυτοί διέμεναν. Με την ανάπτυξη όμως της οικονομίας και την εξέλιξη των τεχνικών επιτευγμάτων του ανθρώπου, το φυσικό περιβάλλον τροποποιήθηκε με άλλοτε θετικές και άλλοτε αρνητικές συνέπειες στην ισορροπία του. Η τεράστια βιομηχανική και τεχνολογική ανάπτυξη των τελευταίων χρόνων και η χωρίς σεβασμό εκμετάλλευση των φυσικών πόρων του περιβάλλοντος καθώς και η ταχεία και χωρίς λογική χρήση των νέων τεχνολογικών μέσων για αύξηση του πλούτου και της κυριαρχίας του ανθρώπου, καθώς και η ασυνείδητη χρήση της ατομικής βόμβας και άλλων όπλων που καταστρέφουν το φυσικό περιβάλλων, έφερε βαρύ πλήγμα στην ήδη ευαίσθητη ισορροπία του. Η διατάραξη της ισορροπίας αυτής, έφερε μια σειρά από αλλαγές στις καιρικές και κλιματικές συνθήκες με σοβαρές αρνητικές επιπτώσεις και εμφάνιση παράδοξων και επικίνδυνων για την φύση, την ζωή και τον ανθρωπο, καιρικών φαινομένων. Παράλληλα με τις οικονομικές αλλαγές και την αλλαγή στα πολιτικά και κοινωνικά δρώμενα, παρουσιάστηκαν και αλλαγές στην επικοινωνία και συναλλαγή μεταξύ των ανθρώπων. Σοβαρές αλλαγές παρατηρούνται και στις κοινωνικές δομές, με κυριάρχηση τα τελευταία χρόνια του πολιτικο-οικονομικού φαινομένου που ονομάστηκε "παγκοσμιοποίηση" που επιδρά σημαντικά τόσο στην επικοινωνία μεταξύ των χωρών αλλά και μεταξύ των κοινωνικών ομάδων και τελικά στον κάθε άνθρωπο σαν ξεχωριστό όν. Οι βαθειές και σοβαρές αλλαγές στο σημερινό κόσμο απαιτούν σοβαρή και υπεύθυνη κατανόηση και αντιμετώπιση, τόσο σε κοινωνικό όσο και σε προσωπικό επίπεδο. Κάθε πρόβλημα για να επιλυθεί σωστά, χρειάζεται πριν απ΄ολα, να μελετηθούν και να κατανοηθούν σε βάθος όλα τα δεδομένα, να μελετηθούν οι σχέσεις και οι συνδέσεις μεταξύ των δεδομένων και να αναλυθεί σε βάθος το αίτημα, που προσδοκά επίλυση. Το πρόβλημα σε ότι αφορά το περιβάλλον είναι η διατάραξη της ισορροπίας και της αρμονίας στη φύση, την κοινωνία και τον άνθρωπο. Κάθε προτεινόμενη ιδέα πρέπει να μην ξεχνά την σφαιρικότητα του ζητήματος. Μερικές λύσεις μπορεί να επιβαρύνουν το πρόβλημα και να απομακρύνουν την ρεαλιστική επιλυσή του. Μερικές λύσεις συχνά δημιουργούν παράλληλες επιπλοκές και επιβαρύνουν επιπλέον την ήδη δύσκολη κατάσταση Η ευθύνη αφορά ΟΛΟΥΣ σε μικρότερο ή μεγαλύτερο βαθμό. Γιατί δεν πρέπει να ξεχνούμε οτι η Φύση συνδέεται με την συνέχιση της Ζωής.. την έχουμε δανειστεί από τα παιδιά μας και τα παιδιά των παιδιών μας. Δεν μας ανήκει... παρά για δεδομένο χρονικό διάστημα. Υπήρξε πριν απο μας και ωφείλουμε να την παραδόσουμε σώα στους απογόνους μας... Αυτός είναι ο πρώτος Νόμος Ζωής. Καιρός να αναλογιστούμε όλοι το τεράστιο SOS που εκπέμπεται από παντού.

La Gioia della Natura

La Gioia della NATURA Ricchiezza di mille odori. Fiori vestiti di mille colori alberi pieni di frutta. Cicale cantano felici! Succo in abbondanza! rondini che volano.. cimbettano al Sole, insetti spensierosi ballano farfale con ali di primavera pronte a godere l'attimo, innamorate colombe si baciano, uccelli che giocano il nascondiglio tra le trecce dei rami del pino, le foglie si lasciano danzare al canto del Bacco avventuriero regalando freschezza intorno. Ogni vivente può godere la Vita, senza dover pagare con lacrime la sua meritata felicità.. Lunapiena

Blog ACTION Day: "ΠΕΡΙΒΑΛΛΟΝ"

“... quanto più conosciamo le leggi della natura, tanto più è difficile credere ai miracoli” C. Darwin....................... "Οσο περισσότερο γνωρίζουμε τους νόμους της Φύσης, τόσο θα είναι δυσκολότερο να πιστεύουμε στα θαύματα" C. Darwin

Πέμπτη, 11 Οκτωβρίου 2007

Τετάρτη, 10 Οκτωβρίου 2007

Come è Bello Svegliarsi Contenti

Come è Bello Svegliarsi Contenti Dormi mio caro piccolo tesoro la tua mamma ti ha affidato al mondo Dormi e sogna sereno La Vita aspetta l'alba per portarti lontano... Come è dolce la Vita Com'è cara la via del Sogno. .... Come è dura la strada a volte come è lungo il cammino tesoro che ti porta sulla cima del mondo. ma il Sole sorride all'alba, e la Luna richiama l'Amore Euridice non scorda mai Orfeo, Ariana attente paziente Tiseo. ..... Come è bello svegliarsi contenti respirare l'odore del bosco in fiducia cresce l'Amore.... Verso la luce si apre il fiore La tempesta richiama arcobaleni. Ha finito il suo ricamo Penelope è arrivato a casa Ulysse. Lunapiena

Τρίτη, 9 Οκτωβρίου 2007

EΡΝΕΣΤΟ ΤΣΕ ΓΚΕΒΑΡΑ, ERNESTO CHE GUEVARA

"ΜΗΝ ΚΛΑΨΕΙΣ οταν ακούσεις οτι πέθανα ΣΥΝΕΧΙΣΕ να ΚΑΝΕΙΣ ότι ΄Εκανα και θα ΣΥΝΕΧΙΖΩ να ΖΩ μαζί σου" "Se io muoio non piangere per me, fai quello che facevo io e continuerò vivendo in te." Ernesto CHE Guevara

Δευτέρα, 8 Οκτωβρίου 2007

κι... όταν ακούω τα τραγούδια σου!

ΝΑ ΣΕ ΒΛΕΠΩ ΝΑ ΓΕΛΑΣ Τα γιατί που μείναν πίσω ρίζες έχουν βγάλει μέσ'τα όνειρά μου όποιο μέλλον και να ζήσω πάντα βρίσκω παρελθόν μπροστά μου Κι όλα αυτά που φοβάμαι είναι ακόμα εδώ Σαν κερί που λοιώνει η αγάπη καιέι και λυτρώνει. Ιερό και μέγα είν' το χθές που κρύβει μια γυναίκα. Να σε βλέπω να γελάς μου φτάνει μόνο για να ξαναρχίσω να πετάξω μακρυά ν'άνοίξω μόνη μου φτερά. Η ταχύτητα του χρόνου στάχτη έχει κάνει πιά τα όνειρά μου όποιο μέλλον και ν'αγγίξω πάντα βρίσκω παρελθόν μπροστά μου. Τραγουδά: Αλκηστις Πρωτοψάλτη

Oltre le Mura

Oltre le mura La storia continua... il ragno ha preparato la sua tela e rimane immobile ad aspettare... mille libri letti e abbandonati parole spente appese sul muro. L'eco di un pianto passa le mura e rombe il silenzio, la fantasia vola nell'aria per raggiungere la linea dell'orizzonte, oltre le mura della ragione... e il ragno ancora attende... l'innocua prenda sta per arrivare. La storia continua sempre... si spegne l'ultima stella nel cielo l'alba ha vinto la sua lotta sul buio. Le formiche lavorano senza tregua, le farfale volano da un fiore all'altro e l'usignuolo canta ancora l'amore per il cuore gelido di una rosa. Il pianto di un bimbo appena nato è il lungo respiro della speranza, sfugita dal vaso della Pandora. ma... il ragno aggiusta la sua tela nell'attesa di un altra innocua prenda. e.... la storia continua ancora... oltre le mura della ragione. Lunapiena

Πέμπτη, 4 Οκτωβρίου 2007

4 ΟΚΤΩΒΡΗ 2007

ΕΛΕΥΘΕΡΗ ΒΙΡΜΑΝΙΑ!................ FREE BURMA!!!!!!!................. "Η ΕΛΕΥΘΕΡΙΑ ΕΙΝΑΙ Η ΒΑΣΗ ΕΝΟΣ ΔΗΜΟΚΡΑΤΙΚΟΥ ΠΟΛΙΤΕΥΜΑΤΟΣ" ΑΡΙΣΤΟΤΕΛΗΣ

Τρίτη, 2 Οκτωβρίου 2007

PERCHE'.....

Perché... le idee non sono giuste a seconda della firma che portano, almeno quanto le guerre non sono giuste a seconda dei paesi che le conducono e perché... chi pensa all'Uomo non spara............ Γιατί οι ΙΔΕΕΣ δεν ταυτίζονται με την υπογραφή που φέρουν, όπως ακριβώς και οι πόλεμοι... δεν πρέπει να θεωρούνται σωστοί ανάλογα την χώρα που αποφασίζει, ΓΙΑΤΙ.... Οποιος ΣΚΕΦΤΕΤΑΙ τον ΑΝΘΡΩΠΟ ποτέ ΔΕΝ ΠΥΡΟΒΟΛΕΙ...

ΕΛΕΥΘΕΡΗ ΒΙΡΜΑΝΙΑ... FREE BURMA!

Free Burma! Free Burma! ΕΛΕΥΘΕΡΗ ΒΙΡΜΑΝΙΑ! http://www2.free-burma.org/index_it.php