Τετάρτη, 22 Αυγούστου 2007

Ψίθυροι

Άρωμα γλυκό, τριανταφυλένιο
διαπερνά το τείχοs της σιωπής
κι αγκαλιαζει την μοναξιά μου
εισχωρώντας τρυφερά στο βάθοs της καρδιάς
Ανοιξιάτικο αγέρι πλημμυρίζει την ψυχή
ρόδινα πέταλα πετούν
σαν ερωτευμένες πεταλούδες
χορεύοντας με τον άνεμο..
Διάπλατα τα παράθυρα στον κόσμο
για να δεχθούν του έρωτα το φως ...
Χαιδεύει η ανάσα τις χορδές
νότες πάθους γεννημένες στη σιωπή,
δεν χρειάζονται πια τα λόγια,
φτάνουν οι ψίθυροι
για το γλυκό μυστήριο της ζωής.
Lunapiena

Τρίτη, 21 Αυγούστου 2007

Sabbia e Parole

Un Attimo................ Momenti fugaci, bagliori di vita, viaggio nella parte piú intima dei tuoi sentimenti, per renderti conto che tutta la vita si è fatta di "TANTI PICCOLI MOMENTI" ............................ "Gli avvenimenti fanno la storia, tanti piccoli momenti la nostra vita" ....................................... La Clessidra del mio Cuore Granelli di Sabbia i miei Sogni nella Clessidra del mio Cuore Alcuni son sfumati per sempre,.. alcuni si devono ancora venire. Uno dopo l'altro contano le mie ore, giorno dopo giorno, passa il mio tempo.. fin all'ultimo giorno.. con l'ultimo sogno.. la mia Vita si svuota con loro. Granelli di Sabbia i miei Sogni... nella Clessidra del mio Cuore... inarrestabile mancanza di Tempo, che scorre via dal mio pugno.... Mi piace Vivere con Sogni granelli di Sabbia colorati. Si svuota piano piano la Speranza ma si riempie la mia realtà'. Lunapiena

Σάββατο, 18 Αυγούστου 2007

Federico Garcia Lorca

Federico Garcia Lorca
Τραγικός Ποιητής-Αγωνιστής, Συγγραφέας και λάτρης της τέχνης. (5 Ιουνίου 1898 - 18 ή 19 Αυγούστου 1936) ένας από τους σημαντικότερους Ισπανούς ποιητές και θεατρικούς συγγραφείς, από τους κορυφαίους εκπροσώπους της ισπανικής γενιάς του '27. Πέρα από το λογοτεχνικό του έργο, ασχολήθηκε επίσης με τη ζωγραφική και τη μουσική. Γεννήθηκε στο Φουέντε Βακέρος (Fuentevaqueros), το 1898. Ο πατέρας του ήταν αγρότης κι η μητέρα του δασκάλα πιάνου. Φοίτησε σε σχολείο Ιησουϊτών στη Γρανάδα και μετά από πιέσεις του πατέρα του, γράφτηκε στη Νομική Σχολή του Πανεπιστημίου της Γρανάδα, την οποίαν όμως εγκατέλειψε σύντομα, για ν' ασχοληθεί με λογοτεχνία, μουσική και ζωγραφική. Το 1919, εγκαθίσταται στη Φοιτητική Κατοικία Πανεπιστημίου Μαδρίτης, που τότε ήτανε σαν ανοιχτό πανεπιστήμιο, πολιτιστικό κέντρο, της ισπανικής πρωτεύουσας. Εκεί θα συναντήσει τον Σ. Νταλί, τον Λ. Μπουνιουέλ, τον ποιητή Αλμπέρτι και τον Χιμένεθ. Την ίδια περίοδο συνθέτει τα πρώτα του ποιήματα που κυκλοφορούνε το 1921, με τίτλο: "Βιβλίο Ποιημάτων". Λίγο νωρίτερα, το 1918, είχε δημοσιεύσει το έργο: "Εντυπώσεις & Τοπία" περιδιαβαίνοντας τη Καστίλη. Το 1922, συνεργάζεται με τον συνθέτη Μ. ντε Φάγια στο Φεστιβάλ Λαϊκης Μουσικής, στη Γρανάδα. Δημιούργημα του τότε είναι το "Ποίημα Του Κάντε Χόντο" λαϊκό τραγούδι της Ανδαλουσίας, που τραγουδιέται απο τσιγγάνους με συνoδεία κιθάρας και λίγο αργότερα, το 1924, ξεκινά να γράφει το "Ρομανθέρο Χιτάνο" που το τελειώνει το 1927. Μια σύνθεση 18 ποιημάτων με σταθερή στιχουργική μορφή, έκφραση μιας απο τις αρχαϊκότερες μορφές ισπανικής ποίησης. Την ίδια περίοδο συνθέτει και την "Ωδή Στον Σαλβαντόρ Νταλί" ενώ παράλληλα γράφει το θεατρικό έργο: "Μαριάνα Πινέδα", που πρωτοπαίζεται στη Βαρκελώνη, την ίδια χρονιά, σε σκηνογραφία Νταλί. Τα έτη 1929-30, ταξιδεύει στις ΗΠΑ και στη Κούβα. Αποτέλεσμα το, "Ένας Ποιητής Στη Νέα Υόρκη". Επιστρέφει στην Ισπανία το 1931 και συνθέτει το "Ντιβάνι Της Ταμαρίτ", ενώ παράλληλα δουλεύει κι έργα για το Κουκλοθέατρο. Τα 3 τελευταία χρόνια της ζωής του συνθέτει τις κορυφαίες του δημιουργίες: "Το Σπίτι Της Μπερνάρντα 'Αλμπα", "Ματωμένος Γάμος", "Γέρμα", τραγωδίες με θέμα τη κοινωνική καταπίεση κι έκδηλο τ' ανθρώπινο στοιχείο και το ποίημα, "Θρήνος Για Τον Ιγκνάθιο Σάντσεθ Μεχίας". Με την εγκαθίδρυση της Δημοκρατίας, συστήνει θεατρική ομάδα, τη "La Barroca" και δίνει παραστάσεις κλασσικών έργων σε χώρους εργατών κι αγροτικές περιοχές. Το 1936 υποδέχεται τον Αλμπέρτι, καθώς επέστρεψε από τη Μόσχα. Συντάσσει μια διακήρυξη συγγραφέων κατά του φασισμού κι ετοιμάζεται να γράψει μια σειρά σκηνών με μορφή επιθεώρησης μα τον Ιούλιο, ξεσπά ο Εμφύλιος κι απλώνεται γοργά. Στίς 16 Αυγούστου συλλαμβάνεται και την αυγή της 18 ή 19 Αυγούστου οι φασίστες Φρανκιστές, τον εκτελούνε κάπου στη Γρανάδα, κοντά στο Fuente grande, στο δρόμο μεταξύ του Víznar και Alfacar. Ο Τάφος του δε βρέθηκε ποτέ. Ήτανε μόλις 38 ετών. Αναγνωρίζεται σαν ποιητής και σημαντικός παράγοντας ανάπτυξης του πολιτισμού για την χώρα του μετά τον θάνατο του δικτάκτορα Franco. Σήμερα υπάρχει Άγαλμα προς τιμή του Λόρκα, στην πλατεία Santa Ana της Μαδρίτης. Ποιήματα: Divan del tamarit Ντουέντε Ποιητής στη Νέα Υόρκη Μοιρολόι για τον Ιγνάθιο Σάντσεθ Μεχίας Σονέτα του σκοτεινού έρωτα Ωδή στον Σαλβαντόρ Νταλί Ποιητικά άπαντα (Τόμοι Α, Β) Θεατρικά Έργα: Τα Μάγια της Πεταλούδας (El maleficio de la mariposa) Οι Φασουλήδες του Κατσιπόρα (Los títeres de Cachiporra) Το Σπίτι της Μπερνάρντα Άλμπα (La casa de Bernarda Alba) Η θαυμαστή μπαλωματού (La zapatera prodigiosa) Γέρμα (Yerma) Ματωμένος Γάμος (Bodas de sangre) Δόνα Ροζίτα (Doña Rosita la soltera) Μαριάνα Πινέδα (Mariana Pineda) Το κοινό (El publico) Σενάρια: Ο Ανδαλουσιανός σκύλος Ταξίδι στη σελήνη

AΘΗΝΑ - ATENE

Πόλη Μαγική Μια πόλη μαγική ζούμε μαζί οι δυό αγαπημένοι μια πόλη σαν κι αυτή πεθαίνει, ζει κι αλλάζει μαγεμένη. Σαν πέσει η σκοτεινιά η αναπνοή μου ας σμίξει με τ' αγέρι τότες η πόλη θα φανεί μονάχη ερημική σαν τ' ακριβό μου αστέρι Μάνος Χατζιδάκις

Τετάρτη, 15 Αυγούστου 2007

Οδυσσέας Ελύτης

Odisseas Elitis (pseudonimo di Alepudelis), nacque a Iraklion (Creta), nel 1911, da famiglia originaria dell’isola di Lesbo. Soggiornò a lungo a Parigi (una prima volta dal 1948 al ’52, una seconda dal 1969 al ’71), dove entrò in contatto con i maggiori animatori della vita culturale: Breton, Eluard, Tzara, Ungaretti, Matisse, Giacometti, Picasso. Ricoprì incarichi di prestigio, come quello di presidente dell’Ente radiofonico greco, di membro dell’Unione internazionale dei critici d’arte e di membro della Société Européenne de Culture, ottenne numerosi riconoscimenti in Europa e negli Stati Uniti, e molte lauree honoris causa dai piú prestigiosi atenei del mondo. Nel 1979 fu insignito del Premio Nobel per la Letteratura.Raccolte poetiche: Orientamenti (1940); Sole il Primo (1943); Canto eroico e funebre per il sottotenente caduto in Albania (1945); Dignum est (1959); Sei rimorsi piú uno per il cielo (1960); L’albero di luce e la quattordicesima bellezza (1971); Sole sovrano (1971); Morte e resurrezione di Costantino Paleòlogo (Parigi, 1971); Monogramma (Bruxelles, 1971); Gli R di amore (1972); I fratellastri (1974); Maria Nefeli (1978); Tre poesie sotto bandiera ombra (1982); Diario di un invisibile aprile (1984); Piccolo marinaio (1985); Elegie di Oxòpetra (1991); A occidente del dolore (1995); Da vicino (1998, postumo).Scrisse anche importanti saggi autobiografici o letterari, raccolti nei volumi Carte scoperte (1975); Nel bianco (1992); Il giardino degli inganni (1995); 2 x 7 e (1996). Le sue traduzioni (dalle opere di Saffo, Ungaretti, Majakovskij, Eluard, Jouve, Lorca) sono raccolte nel volume Riscrittura.È stato tradotto in tutte le lingue europee, oltre che negli Stati Uniti, in Giappone, in Israele. Del solo Axion estí (Dignum est) si contano decine di traduzioni nelle principali lingue del mondo. Oltre al presente volume (1997), Crocetti ha pubblicato anche Diario di un invisibile aprile (1990, in questa collana, Lèkythos 12). È morto ad Atene, nel 1996. Biografia tratta da “Antologia della poesia greca contemporanea, F.M.Pontani cur., Crocetti Editore

Τρίτη, 14 Αυγούστου 2007

Occhi che parlano..

OCCHI che PARLANO... Ci sono momenti che le parole non servono... sono troppo povere per descrivere quel che succede nell'anima. Ci sono momenti immersi nel profondo del silenzio e coperti di un velo fitto di tristezza, come quelle notte nuvolose d'autunno in un bosco bruciato, dopo un crudele incendio estivo. Ci sono momenti che il cuore si gela e il corpo cerca di reagire e non trova la forza della voce... e' solo il respiro che guida l'eco di un desiderio che non si puo' avverare mai... Ci sono momenti che vivere diventa una fatica e' il dolore che regna nell'anima e non esiste via d'uscita... Ci sono momenti che non seguino il ritmo del tempo, momenti immensamente umani, che la vita incontra la morte. Ci sono momenti che tutto sembra che si e' fermato Il corpo diventa pesante,
l'atmosfera sembra gelida e l'orizzonte scompare in quel buio senza speranza. Solo gli occhi parlano... Era l'unico modo di essere insieme, l'unica via di communicare e di sentirci ancora vivi in quel incontro con la morte... all' inizio era solo un breve incontro di rossi sguardi... sangue e lacrime che lottavano per scaldare l'anima... sguardi lucidi pieni di lacrime che non volevano uscire per non perdere l'unica possibilita' di vista... e di vita .Quante parole immerse in quelli sguardi umaniche nella loro profondita' si conserva e si salva l'amore umano...Quel breve incontro dei sguardi e diventato poi un dialogo tra persone vive nel loro inaspettato incontro con la morte e con il passare dei minuti... e delle ore in silenzio quell'incontro di sguardi era un scambiamento di calore e le mani si alzano per sfiorare con rispetto la pelle, una leggera carezza d'affetto immensamente umana e' il vero sostegno tra le persone nell'incontro con la morte. Ci sono momenti che l'uomo ha bisogno di un altro uomo per poter tirare avanti al suo lungo cammino di lutto... Ci sono momenti che le parole sono troppo povere per comunicare l'amore umano che vive in loro. Sono gli occhi che parlano... Nel silenzio, una madre, alza gli occhi al cielo, si perde il suo sguardo nell'infinito azzurro, sta cercando qualcosa che sembra nascosto nel suo profondo. In un momento quel sguardo si fissa e un fiume di lacrime corrono lungo il viso... tremano le labbra... le mani sembrano che cercano un sostegno tirandosi i capelli.... si rompe il silenzio con un forte... NO! Batte forte il mio cuore... mi avvicino al suo fianco leggermente attenta di non essere in troppo... con tutto quel rispetto che si sente quando si avvicina ad una persona molto importante, ad una persona che si rispetta con infinito affetto... al cuore di una madre, che soffre per la perdita dei suoi cari. Le mie dita sfiorano leggermente quelle mani che non si muovono..., sembra di essere accettata la mia presenza. Le mani lasciano i capelli e si agrappano alle mie, chiude gli occhi... come se in quel buio si può trattenere Tutto. Rimane molto a lungo cosi... e poi le lacrime diventano fiume e tra singhiozzi ripette... "OXI ALLOI AGNOOUMENOI" ("Non altri dispersi")... Il suo sguardo e' pieno di terrore. Dopo il suo sguardo cerca il mio... vuole una risposta subito. Il mio sguardo accoglie il suo... non ho risposte... penso che ha tanta ragione di sentirsi per ancora una volta... quella terribile sensazione di inumana ingiustizia... e poi piange sulle mie mani che le stringe fortemente... cosi forte che mi fanno male,e' solo una piccola dose della sua grandissima sofferenza. Insieme, un sguardo profondo che arriva fino all'anima... nel silenzio che sembra un abbraccio affettuoso capace di tenere stretto... tutto quel dolore immensamente umano. Sono gli occhi che parlano... quando le parole non possono trovare la via d'uscita... quando tutto sembra sia caduto nel regno del silenzio... Sono gli occhi che parlano.. quando non arriva nemmeno la pioggia purificata delle lacrime... Solo gli occhi possono parlare.. nel silenzio. Vasso

Δευτέρα, 13 Αυγούστου 2007

Superba è la Notte

Superba è la Notte La cosa più superba è la notte quando cadono gli ultimi spaventi e l'anima si getta all'avventura. Lui tace nel tuo grembo come riassorbito dal sangue che finalmente si colora di Dio e tu preghi che taccia per sempre per non sentirlo come un rigoglio fisso fin dentro le pareti. Alda Merini

Κυριακή, 12 Αυγούστου 2007

L'Amico....

“ Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercati le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercati di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami” A. de Saint-Exupèry.... dal "Piccolo Principe"

Lezioni di Vita...

...ed io che ho imparato che il desiderio è la forza più grande che gira la ruota delle nostre capacità verso la Vera Bellezza? ...che la Volontà spinge il carro della Vita? ....che il passato serve per tirare lezioni? ....che il Presente esiste per viverlo in pieno? ...che il futuro è il giorno che verrà... colorato da mille colori dei nostri sogni e si dipinge con l'acquarella della saggezza conquistata? ....che l'istante serve per diventare più umani? ....che NON esiste noia per CHI cerca di imparare ad Amare? ...che la Vita è per essere vissuta nella sua realtà ....che la vera consapevolezza ti aiuta a NON ripetere gli stessi sbagli del passato? ...che l'intelligenza serve solo per capire quale delle Cose sono importanti e ne valgono la pena? ...che la Morte è mancanza di ogni possibilità di cambiare? ...che il pessimismo è la strada che giustifica il NON far nulla per rimanere sempre in quel lago schifoso di miseria? ...sarò... forse una povera romantica illusa? Vasso

Σάββατο, 11 Αυγούστου 2007

Cade una Stella...

è proprio il momento... è cominciata la pioggia delle stelle.. Cade una Stella.. Un desiderio arriva al cielo.

ACROSTICI

Sono l'ombra venuta dal Nulla.. Oceano le lacrime nate dal dolore, Nuvole tempestose al nostro cammino, Odore di Primavera porta sempre l'Amore... Qualunque tu sia... sorridi alla Vita, Unisciti al coro che ha saputo cantare Inventando il mondo della sua Liberta'... Vasso

Πέμπτη, 9 Αυγούστου 2007

La Parola

La Parola è l'abito elegante di sera del sentimento è il canto della saggezza ma, anche il grido del dolore, è l'abbraccio più caloroso tra le persone... ma, anche l'opposizione e l'allontanamento offensivo, è il ricchiamo dello spirito.... ma, anche il terrore nel buio è l'inno della logica.... e la Poesia dell'anima, è il ponte dell'amicizia... e il pianto della solitudine, è il sole dell'universo mentale... e l'eco del bisogno del cuore. Vasso

Τρίτη, 7 Αυγούστου 2007

Tesori Segreti

Ho scolpito Ho scolpito il tuo viso su quella roccia vicino al mare, dove abita il guardiano del faro, per farlo mantenere sempre pulito, ma alle onde piace cancellare, ogni traccia che incontrano nel loro cammino, per non lasciare tracce di sospetto. Son tornata a cercare la mia opera, ho trovato solo la roccia nuda, il guardiano del faro era assente, tristezza di un silenzio di solitudine e neanche un traccia del tuo viso solo quella luce accesa in attesa... come un sorriso che viene dal nulla... ma sei rimasto scolpito nel mio cuore, dove conservo i miei tesori segreti. Lunapiena

La Bellezza

La bellezza
La bellezza ci raggiunge da lontano. Entra nell'anima in silenzio come un raggio di sole porta l'aurora al nostro cielo. Una lacrima che fa pulire gli occhi. Una fiamma che riscalda il cuore. Una luce che illumina la mente. La bellezza vive in noi, aiuta a crescere i nostri fiori. Sensibilità e sentimenti. Un pittore che colora le nostre parole crea pensieri d'amore. Lunapiena

Un Balcone sul Mare

Un balcone sul mare Un balcone sull'azzurro abbraccio del mare. Il mio sguardo cerca il limite tra mare e cielo. La poesia della natura, la mia passione.
Calmo silenzio intorno, serenità e piacere, armonia dei colori azzurro, celeste e blu. Una nuvola bianca bacia il sole.
Il vento accarezzail liquido corpo come un amante tenero e passionale, regala brividi d'amore, spasmi d'orgasmo. Ballano gioiose le foglie verdi, gialle e rosse al canto musicale delle piccole onde. Invito eterno del piacere di vita. Mi lascio prendere dalla bellezza. Mi sento in un suo continuo la carezza del vento, fa volare i miei capelli, chiudo gli occhie respiro l'odore del mare, i battiti del mio cuore, in armonia con la natura. Forti emozioni. Un attimo di felicità. Lunapiena

I miei Sogni

La clessidra del mio cuore Granelli di sabbia i miei sogni nella clessidra del mio cuore. Alcuni son sfumati per sempre alcuni si devono ancora venire. Uno dopo l'altro contano le mie ore... giorno dopo giorno, passa il mio tempo fin all'ultimo giorno con l'ultimo sogno la mia vita si svuota con loro. Granelli di sabbia i miei sogni nella clessidra del mio cuore inarrestabile mancanza di tempo, che scorre via dal mio pugno. Mi piace vivere con sognigranelli di sabbia colorati. Si svuota piano piano la speranza ma si riempie la mia realtà. Lunapiena

Δευτέρα, 6 Αυγούστου 2007

Luna Amica

Seduta sul mio balcone guardo il cielo stellato. Come e' pallida la Luna stasera... e di fronte a me sorride una piccola collina, vestita di verde scuro. Il vento accarezza le foglie degli alberi di pino, mi arriva un leggero profumo... Respiro profondamente, come se... l'aria mi mancasse da molto. Sereno silenzio... rasserena l'anima, la poesia della natura... la mia fantasia si libera... e gli alberi di pino diventano, ballerini che danzano sul sommerso ritmo del vento... l'inesauribile canto d'amore. Stasera la sua rabbia è calmata... la nostalgia addolcisce sempre... Sento le sue carezze sui miei capelli... Come è fresco questo contatto... mi porta i brividi. Chiudo i miei occhi per poterlo godere in pieno! Sveglia i miei sensi... mi fa tornare ancora la voglia di Te. Dolce tristezza... Nostalgia amata... Vorrei volare vicino a te... sentirmi il tuo respiro. L'eco delle parole sussurrate una volta, tornano nella mente, come una musica divina, arrivata dal cielo... Respiro profondamente per far calmare i battiti del mio cuore, che avevano cominciato a seguire il ballo della natura. Appro i miei occhi... guardo la pallida Luna... mi sempra di sorridere. Come è triste quel suo sorriso... Triste e dolce come il mio! Me la sento complice... Sta sempre là... con la puntualità di una cara amica... la trovo sempre ad aspettarmi... quasi tutte le notti paziente e sincera... Quando ero bambina adoravo le favole... oggi come allora mi lascio perdere nella loro magia. Prima che diventasse divina, anche la luna era una ragazza umana... Si era innamorata del Sole. Un amore proibito per lei... Lui era un Dio... Ogni tramonto usciva di casa di nascosto, per vedere la sua partenza.. per il suo regno nel buio... La notte si era addolcita di tutto questo amore e la portata con se nel cielo Stellato... Era diventata la sua figlia preferita. Ma era sempre pallida e triste. Cosi le ha permesso ogni tramonto di incontrare il sole... per un solo saluto... un solo bacio... un solo sorriso. E' da allora che il Sole regala tutti i suoi colori... come un dono alla madre Natura... sciolto da quel immenso ed infinito amore della Luna... Sorrido al ricordo di questa favola. Sento la Luna amica. Mi sento meno sola... La presenza dei amici portano sempre tranquilità e calmo calore... Come è bello il cielo stellato questa Notte!!! Mi sento in armonia assoluta con la natura... ma, da un tratto il magico silenzio si rompe... Una sirena di ambulanza traumatiza la Notte... Una persona in pericolo... Una corsa frenetica per salvare una Vita... Il segnalo di tragico... Piacere, nostalgia e lotta contro la morte la nostra Vita... La Luna amica sta sempre là... il suo amore la resa eterna... Amica del uomo da sempre... per sempre... Lei ha accetato il buio... non prova paura... e può ancora amare... può ancora intristirsi... può ancora godere i mille colori del suo Sole... Luna Amica... Ti adoro!!! Lunapiena (Maggio 2002)

Eros e Anima

Ninfa in cerca di luce nel giardino incantato tra gli alberi del bosco, dove Apollo con Dioniso fecero una festa comune dedicata all'Eros divino, ho incontato il tuo squadro la magica forza dell'Amore. Lunapiena

Κυριακή, 5 Αυγούστου 2007

Il Cammino

Un cammino Come lunga questa strada che mi porta vicino a te... un lungo cammino perpetuo, nel labirinto del mondo, tra lestrigoni e ciclopi del mio essere, tra chimere e le sirene che cantano, e mille enigmi di sfinge da risolvere... Come e' lunga la strada da percorrere e mi sento a volte sperduta, nel buio dei corridoi della mente, e gl'inventati bisogni dell'esistenza, Come lungo questo cammino, che mi porta accanto a Te... tutte le strade passano, dentro di me. Lunapiena 27.12.2003

Cogliere l'Attimo

COGLIERE L'ATTIMO La radio trasmette la musica di Shopen, le vibrazioni della mia anima si mischiano con i battiti del mio cuore. Un viaggio nel ritmo musicale in compagnia con le immagini della mia fantasia. Un viaggio all' interno... un viaggio verso su'...Il tempo, il luogo perdono la loro forma.Il passato si mischia con il presente, l'indomanisembra di essere gia arrivato. Il tempo si allargacon epicentro il momento.... Musica!, la bella adorata del tempo l'assortita amante,la coppia piu' armoniosa del mondo. Tempo!, l'amante fugace, il padrone possessivo. La mia anima si trasporne... si segue... si rimette... pulsa al ritmo musicale, palpita nel flusso del tempo,in una vibrazione avanti ed indietro. I suoi elementi come molecole una vicina all' altra in un orbita universale.Che meravigliosa armonia, che magnifico piacere un immenso godimento. Il passato e' storia, il presente e' vivere, il futuro e' solo speranza. Vita: origine, cammino e fine, in una unione orgasmica... Coito Divino!Il silenzio... il suono... il moto... e la pausa..., la forza e la debolezza, la luce ed il buio, la carezza e la passione, la serenita' e la tensione, la fantasia e la realta, il percepire profondo ed esteriorein un' unione continua, in un ballo divino. l'avvicinamento delle note... la loro contiguita'... La vittoria della morte... Viaggiando con il Dioniso, mi ha trascinata la sua musica in un ballo divino. Lunapiena

Σάββατο, 4 Αυγούστου 2007

In Attesa.....

L' Attesa... "...la Vita avrà un senso di più per essere vissuta in Attesa... di un suo sorriso di pura Felicità..."

Γιώργος Σεφέρης

Μέσα στις θαλασσινές σπηλιές Υπάρχει μια δίψα υπάρχει μια αγάπη Υπάρχει μια έκσταση Όλα σκληρά σαν τα κοχύλια Μπορείς να τα κρατήσεις στην παλάμη σου Μέσα στις θαλασσινές σπηλιές Μέρες ολόκληρες σε κοίταζα στα μάτια Και δε σε γνώριζα μήτε με γνώριζες. Γιώργου Σεφέρη «ΠΟΙΗΜΑΤΑ»,

Παρασκευή, 3 Αυγούστου 2007

Στα Μονοπάτια τ'ουρανού

Στα Μονοπάτια τ'ουρανού να περπατάς της ομορφιάς τα μυστικά για να μαθαίνεις στη σιωπής την αγκαλιά, μοναχικό φεγγάρι, διαβάτης είσαι στη ζωή και μαθητής στη γνώση χαμόγελο ο ήλιο σου κι ο πόνος σου βροχή.